QUELLE DURE PAROLE DI UN EX PRESIDENTE DEL TAR:“A LATINA LA LEGALITA’ E’ UN OPTIONAL!!!!!”

Già ai tempi di “Mani Pulite ” la provincia di Latina si rivelo’ una delle province più corrotte d’Italia.

Il numero degli arresti infatti fu tra i più alti nel Paese , tenuto conto del numero degli abitanti.

Poi arrivò la mafia,con il Seven Up a Formia,le dichiarazioni di Carmine Schiavone sui traffici nel porto di Gaeta e le collusioni con i politici,le dichiarazioni di Facci sugli incontri in una villa dei Servizi sempre a Gaeta, il “caso Fondi”, il “sistema Sperlonga” e tutto il resto.

Con Gaeta e Fondi al centro di tutto.

E con Latina che non vedeva mai niente.

Tutti negavano, dalle istituzioni alla gente.

La mafia non esiste.

Oggi la mafia esiste,tutti lo ammettono ed i carabinieri cominciano a muoversi.

Il “caso Sperlonga” ha messo in moto la macchina.

Quel convegno dal titolo “La Riviera dei boss” della Caponnetto con i magistrati di Roma e Napoli,Giarrusso della Commissione Parlamentare antimafia,Questore ed un Prefetto che non poteva mancare.

Lo stesso Prefetto, poi, che in audizione alla Camera non ha potuto negare che la Prefettura di Latina NON ha fatto una sola interdittiva antimafia.”NESSUNA “.

Caso unico in Italia.

A Latina succede questo ed altro.

Terra di camorra,”provincia di Casal di Principe”,dove le mafie, tutte, nazionali ed internazionali, la fanno da padrone.

Casalesi, Bardellino, Mallardo, Moccia, Gaglione, Maiale, calabresi, Di Silvio, Casamonica, albanesi, romeni, nigeriani, tutti al banchetto.

Alle porte della Capitale d’Italia.

Gli omicidi, tutti rimasti senza un nome di mandanti ed esecutori:Maio ,Mosa,Don Boschin e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.

Perfino sul lungomare di Terracina, in pieno giorno ed in mezzo ai bagnanti.

Zona franca per mafiosi, delinquenti, cravattari e magnacci.

Tutta bella gente.

I cittadini?

E chi parla !!!!

Un sistema omertoso classico delle società mafiose.

Un clientelismo e una corruzione alimenti delle mafie.

Un sistema di rapporti e di interrelazioni con i colletti bianchi da far rabbrividire.

Il re é nudo.

E arriviamo ai tempi nostri,agli ultimi giorni, con gli ultimi arresti e con il pandemonio che sta per scatenarsi.

Sperlonga,Gaeta,Itri e gli altri a venire.

Benvenuti all’inferno.

Archivi