Quel Prefetto di Vibo Valentia

Quel Prefetto di Vibo Valentia che, a nostro modo di vedere, andrebbe rimosso e trasferito ad altra
provincia.
In una situazione particolarmente critica qual’è quella esistente nel vibonese, dove anche all’interno
delle forze dell’ordine si sono registrati comportamenti disdicevoli ed il cui territorio è sotto il tallone di
ferro di ‘ndrine pericolose, ci vorrebbero Prefetti maggiormente attenti e determinati.
E, invece, basta giudicare dal trattamento riservato a Testimoni di Giustizia del livello di Pino
Grasso, Francesca Franzè e Pietro di Costa, lasciati scoperti e senza assistenza ed una protezione
adeguata, per comprendere quanto l’impianto dello Stato sul territorio faccia acqua da tutte le parti.
Per non parlare, poi, delle condizioni nelle quali è stata lasciata operare la coordinatrice della
Commissione che ha gestito il Comune di Briatico, più di una volta sciolto per mafia, la quale, venuta da
Roma, si è vista costretta ad agire in condizioni a dir poco drammatiche.
Quando noi diciamo che il Ministero degli Interni, prima di assegnare un Prefetto ad una tale
provincia, deve tener conto della particolarità di ognuna di esse!!!

Archivi