Quarto. Ammazzarono imprenditore perché era interessato a terreni che il clan voleva: sei arresti

Il Mattino, Martedì 17 Maggio 2016

Quarto. Ammazzarono imprenditore perché era interessato a terreni che il clan voleva: sei arresti

I carabinieri del nucleo investigativo di Napoli hanno eseguito un’ordinanza cautelare applicativa della custodia in carcere nei confronti di 6 persone ritenute responsabili dell’omicidio di Enrico Amelio, imprenditore edile ucciso il 10 ottobre 2006 a Quarto. Secondo la ricostruzione della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, confluita nell’ordinanza emessa dal gip, la ragione dell’omicidio va individuata nella «intromissione di Leonardo Carandente Tartaglia, zio materno di Amelio, in una rilevante trattativa immobiliare avente ad oggetto la compravendita di alcuni fondi che avevano suscitato l’interesse del clan Polverino». Il provvedimento è stato emesso a carico di persone ritenute esecutori materiali e mandanti dell’omicidio.

Archivi