Quali sono le vere ragioni della “crisi” al Comune di Minturno? La Magistratura inquirente farebbe bene a vederci chiaro dopo le dichiarazioni del Sindaco Galasso

UNA “CRISI”, QUELLA AL COMUNE DI MINTURNO, SULLE CUI RAGIONI VALE LA PENA DI APRIRCI UN’INCHIESTA…

Si infittiscono le ombre sulle ragioni vere che avrebbero portato ad una “crisi” definita da taluni “una classica congiura di palazzo”.

Le dichiarazioni rilasciate dal sindaco sfiduciato lasciano sospettare che dietro quella “crisi” ci siano motivi alquanto inquietanti che la Magistratura farebbe bene ad individuare.

Vediamo cosa ha scritto l’ex Sindaco Galasso in una nota distribuita alla stampa:

“… Ma l’accelerazione impressa al ripristino della legalità, così tanto auspicato dai cittadini, ha aumentato le preoccupazioni di chi, ieri, irresponsabilmente, ha deciso di lasciare la città di Minturno, in apertura della stagione estiva, senza governo”.

E, ancora:

“… E’ altrettanto evidente che questa crisi poggia anche su questioni molto piccine, sul piccolo interesse personale di qualche consigliere che ha anteposto il proprio a quello generale della Città.

Può una festa privata valere il governo della Città?”.

Sarà una pura e semplice coincidenza, ma certo è che l’amministrazione è stata sfiduciata alla vigilia della decisione di costituirsi parte civile nel processo per la vicenda dei rifiuti.

Archivi