Quale seguito è stato dato alle dichiarazioni nel 1996 di Carmine Schiavone a proposito dell’esistenza in provincia di Latina di 50 “soldati” pagati dal clan di Sandokan a 3000 milioni al mese?

Di proclami ed esibizioni autocelebrative abbiamo le p…..piene.
Scusateci la volgarità che non é rintracciabile nel nostro stile,ma siamo arrabbiati.
E tanto!!!!!!!!……….
Non c’é peggior sordo di chi non vuole sentire
Qualcuno,da Latina o da Roma,ci deve rispondere alla domanda che abbiamo posto tempo fa a proposito delle dichiarazioni fatte da Carmine Schiavone nel 1996 sull’esistenza in provincia di Latina di una cinquantina di “soldati” pagati a 3000 milioni al mese a capoccia per fare gli affari sporchi del clan di Sandokan e se per caso fra di essi fra di essi non possano nascondersi gli autori della sfilza di omicidi rimasti impuniti.
Quelle dichiarazioni avrebbero dovuto dar luogo ad un’azione di vera e propria bonifica del territorio pontino dagli appetiti di una criminalità organizzata mafiosa che ha letteralmente devastato e continua ogni giorno a devastare il nostro tessuto economico,sociale,politico,a dispetto delle tante esibizioni parolaie che ci rompono i timpani.
Se non si parte da quello e se non si individuano presenze,vecchie e nuove,con le interrelazioni,gli intrecci,i collegamenti,é tutta aria fritta!!!!!!!!!!!!….
Non demorderemo fino a quando ci verrà spiegato “cosa” é stato fatto,”cosa” non é stato fatto e “perché ” non é stato fatto!!!!!.

Archivi