Pubblichiamo una bozza di proposta di Legge redatta da Ignazio Cutrò, proposta che preghiamo tutti i parlamentari di buona volontà di far propria e presentare al Parlamento

Preg. mo Onorevole/Senatore,

di seguito troverete le linee guida per creare uno strumento di contrasto per la lotta alle mafie affinché gli imprenditori siano più stimolati e tranquilli nel denunciare;

Nella qualità di presidente dell’associazione Antiracket “Libere Terre”, Le chiedo di voler attenzionare e, se ritiene, condividere l’iniziativa di contrasto alla mafia ed al racket delle estorsioni che la nostra associazione ha avviato da alcuni giorni.

Si tratta, nel concreto, di una sollecitazione a tutti i parlamentari, espressione del nostro territorio, affinché si facciano promotori di un provvedimento legislativo che preveda la copertura assicurativa, a carico dello Stato, dei beni di proprietà delle persone oggetto di intimidazione mafiosa, tentativi di estorsione, richieste di pizzo o di ogni altra vessazione da parte di racket mafiosi.

Come è intuibile, tale copertura assicurativa andrebbe a svuotare tutto il contesto di terrore, ansia, paura sul quale si impernia la strategia della mala pianta della mafia ed, inconseguenza, ogni imprenditore, commerciante, operatore economico, liberato dalla preoccupazione del temuto danno all’azienda od ai mezzi di produzione e garantito sulle perdite economiche connesse alle ritorsioni mafiose, troverebbe il coraggio e la libertà di rifiutare il ricatto e di denunciare la minaccia subita.

Tutto questo, nonostante il costo del premio assicurativo a carico dell’erario, si tradurrebbe in un complessivo risparmio per le istituzioni e sferrerebbe un colpo mortale al rituale estortivo.

La risarcibilità immediata dei danni subiti per intimidazione, spunterebbe le armi della mafia, ridurrebbe la mole delle estorsioni ed inserirebbe un tassello importante nella lotta delle istituzioni contro la mafia ed il suo contesto di omertà e paura.

Confido quindi nella Sua sensibilità verso il problema ed aspetto una Sua iniziativa anche in raccordo con gli altri parlamentari che mostreranno pari attenzione.

Nel ringraziarLa, a nome mio personale e dell’associazione “Libere

Terre”, Le elenco in calce alcune indicazioni di massima che offriamo alla Sua valutazione:

Distinti Saluti
Ignazio Cutrò


EFFETTI DELLA COPERTURA ASSICURATIVA A CARICO DELLO STATO SUI BENI DEI SOGGETTI MINACCIATI DALLA MAFIA:

– svuotamento dell’effetto intimidazione e scarsa incisività delle minacce di ritorsione mafiosa;

– Aumento delle denunce dei tentativi di estorsione;

– Ampio e più dettagliato monitoraggio delle forze di polizia della mappatura delle organizzazioni dedite al racket;

– Maggiore fiducia nelle istituzioni e nella giustizia, da parte delle vittime di estorsioni;

– Consistente ridimensionamento del fenomeno estortivo.

ELEMENTI CARATTERIZZANTI DELLA POLIZZA ASSICURATIVA

– La copertura assicurativa deve garantire il risarcimento totale di tutti i beni danneggiati o distrutti in un contesto di tentativo di estorsione, imposizione di pizzo, richieste di vario genere in danno di imprenditori, aziende, professionisti od operatori economici in genere.

– Il soggetto richiedente la copertura assicurativa, deve informare gli organi inquirenti in modo completo e totale della richiesta estortiva subita, della identità o delle caratteristiche o di ogni altra notizia utile ad individuare i soggetti che hanno operato il tentativo di estorsione;

– L’istruttoria della pratica di copertura assicurativa deve esaurirsi entro 20 giorni ed, in ogni caso, se nei predetti 20 giorni, il denunciante dovesse subire un danno il risarcimento dello stesso sarà operato direttamente con fondi dello Stato;

– Il denunciante è obbligato a fornire all’autorità inquirente tutte le informazioni in suo possesso in unica soluzione, senza omissioni o reticenze, il mancato rispetto di tale obbligo, oltre le altre sanzioni di carattere penale, dovrà prevedere lì immediata revoca della copertura assicurativa ed il recupero di tutti i premi assicurativi già pagati dallo Stato.

Archivi