Processo Monza si inizia la madre di tutte le battaglie.

Processo Monza : inizia lunedì 26 gennaio ; é  la madre di tutte le battaglie

Dopo 4 anni entra nel vivo il processo per l’appalto pubblico per la realizzazione della passarella ciclo pedonale ss 36 a Cinisello Balsamo un opera faraonica e uno scempio poiché ancora chiusa dopo ben 5 anni.
Una brutta storia questa, che ha visto un uomo onesto, un dirigente di azienda  che non ha esitato a denunciare, perdendo la sua posizione agiata, uno contro tutti, contro quel modus operandi  definito dalla Procura “criminale” , un gruppo di personaggi che non hanno esitato a braccarlo,  minacciandolo ed isolandolo,poi c è  un p.m dott. Franca Macchia titolare anche del processo Penati, che ha creduto e verificato le dettagliate denunce del testimone, che oltre a denunciare ,ha prodotto anche prove inconfutabili .Di  certo non mancheranno colpi di scena nel corso del procedimento penale.
Un processo con udienze che vanno da Gennaio 2015 a fine Luglio 2015.
Questo è il primo processo che vede imputate alcune persone già note alla Giustizia ma che stranamente eseguivano opere pubbliche in tutta Italia.
Lunedi 26 gennaio 2015 ci sono 5 indagati  con i loro blasonati legali e un uomo onesto difeso dall’avv.to Inzillo .Il testimone è  determinato e consapevole del ruolo che egli svolge .Oggi dopo anni questo uomo più che quarantenne combatte una battaglia che non è sua ma di una intera popolazione.Egli  ha frantumato un sistema di corruzione e collusioni e non solo …….  I cittadini onesti sapranno – almeno lo speriamo –   unirsi  alla richiesta  di verità che da anni formula  il testimone di giustizia.
Un appalto di oltre 13 milioni di euro ed un opera ancora chiusa.Molti media fanno silenzio,  troppi i nomi importanti coinvolti e l’ombra della camorra desta inquietudine in un territorio che per anni si è proclamato indenne da fenomeni mafiosi, ma che le cronache odierne smentiscono.
Un primo cittadino troppo silente e lontano da esternare la sua vicinanza a questo eroico cittadino che con la sua denuncia ha potuto evitare una tragedia, tragedie che poi restano come spesso accade con un nulla di fatto.
Noi della Associazione Caponetto abbiamo sposato questa battaglia e siamo vicini al testimone come sempre. Oggi vogliamo dire grazie a lui e ai tanti che hanno sacrificato la loro vita, rendendola un inferno  sulla terra.
Grazie Gennaro .

Noi tutti siamo con te e che il tuo nobile gesto sia di esempio alle generazioni future.

                                                                                Ass.Caponnetto

Area degli allegati

Visualizza anteprima allegato Screenshot_2014-02-28-19-52-09.png

Archivi