Prima minacciato e poi malmenato un giornalista a Fondi. Una situazione da brivido. Un nostro appello al Capo dello Stato

PRIMA MINACCIATO E POI MALMENATO UN GIORNALISTA A FONDI. UN APPELLO DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE AL CAPO DELLO STATO

Marco Macaro, il corrispondente di Latina Oggi da Fondi, minacciato la settimana scorsa, è stato ieri sera malmenato.

Recatosi in ospedale per farsi refertare, egli presenterà fra giorni la querela contro gli aggressori.

E’ da tempo che i rappresentanti della stampa sono fatti oggetto di minacce di ogni genere in quel comune.

La stampa, rea di rendere pubblica una situazione da brivido, è da taluni ritenuta scomoda.

Si vorrebbe evidentemente una stampa servile e silenziosa!

Quando si arriva a dover registrare fatti del genere, vuol dire che abbiamo toccato il fondo!

Ora tocca alle forze dell’ordine ed alla magistratura locali perseguire severamente i responsabili di tali atti perché non è possibile che in un Paese civile si arrivi a tanto.

Vanno ripristinate immediatamente le condizioni di un minimo di vivibilità civile e democratica.

Abbiamo dovuto registrare alcuni mesi fa l’aggressione fatta a Ventotene ad un rappresentante della nostra Associazione.

Ora dobbiamo registrare questo altro fatto delittuoso ai danni di un giornalista che ha mostrato di essere una persona libera ed amante delle verità.

Solo durante il regime fascista e negli altri regimi dittatoriali si aggredivano e si aggrediscono i giornalisti che non accettano di farsi imbavagliare.

Ci appelliamo direttamente al Capo dello Stato ed al Ministro Maroni chiedendo il loro personale intervento perché a Fondi, in provincia di Latina, -Comune del quale si attende ancora lo scioglimento richiesto dal Prefetto di Latina ben 4 mesi fa –ritorni il rispetto della legalità.

Al giornalista malmenato giungano le espressioni più vive della solidarietà e della vicinanza di tutta l’Associazione “A. Caponnetto”.

Associazione “Antonino Caponnetto”

Archivi