“Porta i segreti nella tomba. Qualcuno sarà contento”, la moglie di Cutolo rompe il silenzio

Porta i segreti nella tomba. Qualcuno sarà contento”, la moglie di Cutolo rompe il silenzio

Di internapoli -31 Maggio 202199 0Immacolata Iacone è tornata a parlare dopo la morte di Raffaele Cutolo. La moglie dell’ex boss Nco ha risposto a diverse domande poste da Fanpage. In merito ad alcuni misteri italiani che suo marito si sarebbe portato nella tomba la vedova chiarisce: “Forse qualcun altro dello Stato è anche contento, no? Io non c’entro. Io sono fuori da queste cose, sono sempre stata fuori. Io ho seguito solo mio marito nel carcere e gli avvocati. Poi altre cose non mi interessano, ho una figlia da crescere“.

Immacolata lancia un appello alle nuove generazioni: “Voglio dire ai giovani di non seguire questi “miti” perché non serve a niente, la sofferenza è tale… è meglio la libertà che questa sofferenza in carcere. Perché non si arriva a niente, lui neppure ha vissuto un poco fuori”.

La moglie di Raffaele Cutolo presenta un esposto sui funerali: “Visita di 5 minuti sulla tomba”: articolo del 1 marzo

La moglie di Raffaele Cutolo annunciò di presentare un esposto sulla gestione del funerale dell’ex boss di Ottaviano. Intenzione venne confermata da Gaetano Aufiero, storico avvocato di Cutolo ai microfoni di Cusano Italia. Il legale annunciò la presentazione di un esposto-denuncia al Procuratore della Repubblica di Parma, firmato dalla moglie Immacolata Iacone.

L’obiettivo di Aufiero è far valutare ai magistrati emiliani: “Se, come io credo, sono stati consumati dei reati nella gestione della vicenda successiva alla morte di Cutolo. Basti pensare che due giorni dopo la morte di Cutolo, un magistrato di Parma titolare che ha disposto l’autopsia sul corpo dell’ex boss, ha individuato i criteri per consentire alla moglie di Cutolo e alla figlia 13enne Denise di porgere l’estremo saluto al congiunto.  Disponendo che le due donne non si avvicinassero alla salma, non potessero porre sul feretro alcun oggetto. Non un fiore, non una corona, non un’immagine sacra”.

LA VISITA DELLA MOGLIE E DELLA FIGLIA DI CUTOLO DURATA 5 MINUTI

Inoltre, che la visita fosse a distanza e alla presenza di più operatori delle forze dell’ordine come se le due donne rappresentassero chissà quale pericolo. A mio giudizio, tutto questo, umanamente, non è stato giusto. Comunque, se tutto questo è legittimo o meno, lo stabilirà l’autorità giudiziaria dopo l’esposto della famiglia Cutolo. Vi rivelo che la visita di moglie e figlia al defunto, è durata solo 5 minuti e anche la legittimità di questo aspetto sarà verificata dall’autorità giudiziaria competente. Trovo tutto ciò abnorme e irragionevole. Inoltre, ho grandissime riserve, per usare un termine eufemistico, sulle eccezionali misure disposte per tumulare il corpo di Cutolo“, disse Aufiero.


Fonte:https://internapoli.it/raffale-cutolo-segreti-immacolata-iacone/

Archivi