Pisani su caso Fortuna-Caputo solo punta di un iceberg.

comunicato stampa

Omicidio Fortuna – Pisani: Caputo solo la punta di un iceberg. E ricostruisce la perizia grafologica sui disegni della bambina.

 

Gli avvocati Angelo e Sergio Pisani rendono noti stamane i risultati della perizia grafologica di Sara Cordella, l’esperta incaricata della lettura dei disegni per le indagini difensive sulla tragedia.

«I disegni di Chicca parlavano – spiegano i due legali – e dicevano già tutto».

Angelo Pisani, legale della famiglia, e il pm Federico Bisceglia, morto pochi mesi dopo in un tragico incidente, fin dal primo momento capiscono che Fortuna non può non aver manifestato in qualche modo la sofferenza per ciò che stava subendo. Raccolgono quaderni e disegni, consapevoli che il disegno è la più genuina forma di comunicazione dei sentimenti dei bambini.

E Chicca, nei suoi disegni, parla. E parla molto.

 

Disegna e cancella con insistenza figure femminili, come fossero una minaccia per lei.

Disegna finestre con le sbarre, case senza porte, inaccessibili. E poi disegna case con due porte, ad indicare la paura della separazione, il ricatto, la necessità di farle mantenere il segreto.

Quando usa i pennarelli nel palazzo dove vive, a casa con le amichette, sceglie colori vivaci e con un tratto marcato. Carichi di rabbia, eccitazione, aggressività.

 

Intanto l’inchiesta sulla morte di Fortuna sembra non fermarsi a Caputo, che viene definito dalla avvocato Pisani solo la punta di un iceberg, mentre potrebbe riaprirsi anche l’indagine sulla morte, avvenuta nel 2013, di uno dei figli della convivente di Caputo, morto anche lui cadendo nel vuoto e rimasto ancora senza colpevoli.

 

Napoli, 3 maggio 2016   

                                    Ufficio stampa studio avvocati Angelo e Sergio Pisani

 

 

Studio Pisani & Co.
Piazza Vanvitelli 15
80129 Napoli, IT

contatti: stampapisani@libero.it – 335.417420

Archivi