PIP LUSCIANO, IL PROCESSO AI FRATELLI CESARO. Il detective De Vivo conferma in aula: “Non avevano i requisiti, quella gara fu truccata”

PIP LUSCIANO, IL PROCESSO AI FRATELLI CESARO. Il detective De Vivo conferma in aula: “Non avevano i requisiti, quella gara fu truccata”

31 Maggio 2019

LUSCIANO – Il maresciallo dei carabinieri De Vivo è stato uno dei maggiori protagonisti dell’indagine che portò, nell’anno 2009 all’emissione di misure cautelari nei confronti dei fratelli Aniello e Raffaele Cesaro. Quella storia sul Pip di Lusciano portò all’iscrizione sul registro degli indagati anche dell’ex sindaco Isidoro Verolla e dell’ancor oggi parlamentare, Luigi Cesaro, fratello di Aniello e Raffaele.

De Vivo, nell’udienza di ieri, nell’ambito del processo che si sta svolgendo in un’aula del tribunale di Aversa-Napoli nord, ha confermato per filo e per segno la tesi accusatoria relativamente allo specifico reato della turbativa d’asta in concorso, aggravata dall’articolo 7, contestata specificatamente ai fratelli Cesaro, cioè a Raffaele ed Aniello, oggi imputati (la posizione di Luigi Cesaro è stata stralciata), a Nicola Ferraro, al tempo consigliere regionale dell’Udeur, nonchè secondo l’accusa, gran mediatore, in terra bidognettiana, dell’orientamento di questa gara a vantaggio dei Cesaro, a scapito dell’imprenditore locale Francesco Emini, e non solo. Alla sbarra per questo specifico reato ci sono anche Alfonso Santoro, Nicola Mottola, Raffaele Bidognetti, Francesco Pirozzi, il citato Isidoro Verolla, Vincenzo Salernitano, Francesco Pezzella,Immacolata Verde, Raffaele Vassallo e Luigi Guida.

Insomma, politici e dirigenti del comune di Lusciano.

La gara, secondo la tesi accusatoria, sarebbe stata truccata per farla vincere ai Cesaro. Il maresciallo De Vivo ha confermato davanti ai giudici che i due imprenditori di Sant’Antimo non possedevano i requisiti per partecipare a quella gara. Soprattutto uno: un capitale sociale adeguato allo standard previsto dalla norma.

QUI SOTTO LO STRALCIO DEL CAPO DI IMPUTAZIONE

Fonte:https://casertace.net/

Archivi