Pietro Di Costa,Testimone di Giustizia, ha sempre avuto ragione ….ma dal Ministero nessuno lo ascoltava

Il gip di Catanzaro Abigail Mellace ha sospeso dall’esercizio delle funzioni il poliziotto Antonino Wladimiro Pititto, 44 anni, in servizio presso la Questura di Vibo Valentia, indagato nell’inchiesta della Dda che ha portato all’arresto dell’ex dirigente della squadra mobile Maurizio Lento, del suo vice Emanuele Rodonò, e dell’avvocato Antonio Galati. Il poliziotto è indagato per violazione del segreto d’ufficio perché avrebbe fornito notizie su un’indagine della guardia di finanza di Milano sfociata poi nell’operazione Minotauro. La decisione del Gip distrettuale Mellace giunge all’esito dell’interrogatorio svoltosi ieri. Il poliziotto, difeso dagli avvocati Scarmato e De Luca, fra il 2009 ed il 2011 avrebbe, secondo la Dda, rivelato all’imprenditore ed ex consigliere provinciale di Vibo Aurelio Maccarone l’esistenza di un’informativa di reato del Gico di Milano nei confronti del nipote Antonio, genero di Pantaleone Mancuso, detto “Vetrinetta”. (ANSA).

Archivi