Pericolo camorra per la realizzazione a Gaeta di ben 3 porti turistici e per la gara per la gestione dei rifiuti urbani. Un nostro invito al Prefetto di Latina ed alle forze dell’ordine.

E’ ALLARME ROSSO PER LA POSSIBILE PARTECIPAZIONE DI IMPRESE DELLA CAMORRA A GAETA PER LA REALIZZAZIONE DI BEN 3 PORTI TURISTICI E, INOLTRE, PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Ci viene comunicato che l’Autorità Portuale Civitavecchia-Fiumicino-Gaeta avrebbe rilasciato le concessioni per la realizzazione a Gaeta di ben 3 porti turistici a tre società composte da cittadini gaetani.

Non rientra nelle nostre competenze quella di esprimere giudizi di natura tecnica e sugli aspetti naturalistici ed ambientali.

Le nostre preoccupazioni nascono, invece, dal sospetto di un possibile interesse, considerata la mole dei lavori da effettuare e dei capitali da impiegare, della camorra a partecipare, magari con prestanome “puliti”, alle gare che verranno indette -o all’affidamento di lavori in subappalto – per la realizzazione di tali porti, come già si è verificato in passato nell’esecuzione di altri lavori portuali..

Invitiamo, pertanto, la Prefettura di Latina e le forze dell’ordine a vigilare attentamente perché ogni sospetto venga fugato sia per quanto riguarda l’identità degli aspiranti attori che la “provenienza” dei capitali che verrebbero impiegati, in modo da consentire alle tre società gaetane di lavorare in tutta tranquillità.

Eguale vigilanza dovrà essere esercitata per quanto riguarda la gara indetta dall’Amministrazione comunale di Gaeta per la gestione dei rifiuti solidi urbani.

Il bando emesso al riguardo, secondo quanto ci viene riferito, conterrebbe condizioni, sia per quanto riguarda la congruità della somma che per la libertà concessa nell’uso degli automezzi, che potrebbero non consentire la partecipazione alla gara di più ditte, favorendo in tal modo, indirettamente e sicuramente non consapevolmente, qualche impresa della camorra.

Archivi