Perché il Prefetto di Latina non nomina Commissioni di accesso ai Comuni di Sabaudia e di Minturno?

PERCHE’ IL PREFETTO DI LATINA NON NOMINA COMMISSIONI DI ACCESSO AI COMUNI DI SABAUDIA E DI MINTURNO DOPO I NOTI FATTI CHE VEDONO INDAGATI CONSIGLIERI DI QUESTI DUE COMUNI?

Ci sconcerta l’inerzia del Prefetto di Latina di fronte alla richiesta della minoranza consiliare di nominare una Commissione di accesso al Comune di Sabaudia dopo i noti fatti che vedono coinvolta una sua consigliera indagata dalla DDA di Napoli.

Come anche ci sconcerta la stessa inerzia per quanto attiene alla situazione venuta alla luce a Minturno, dove il Presidente del Consiglio comunale è stato arrestato.

Non è nostra intenzione azzardare giudizi di sorta, giudizi che competono unicamente alla Magistratura.

Ma ragioni di opportunità avrebbero imposto, quanto meno, un’attenta verifica di atti dei due comuni per accertare l’esistenza o meno di eventuali condizionamenti.

Possiamo apparire indelicati nel fare un riferimento alla precedente gestione della Prefettura di Latina ed alla persona che ha occupato fino a qualche tempo fa la poltrona del massimo rappresentante dell’autorità governativa in provincia di Latina.

Stiamo parlando del Prefetto Bruno Frattasi, rimosso, com’è noto, dal suo incarico e trasferito al Ministero dell’Interno dopo i noti fatti che hanno interessato il Comune di Fondi (bella domanda che Roberto Saviano potrebbe rivolgere al Ministro Maroni a proposito del motivo di quella sua decisione).

Dimostrati dal Dr. Frattasi al momento della decisione da lui assunta di nominare una Commissione di accesso a Fondi, sarebbero emersi anche in queste due circostanze che vedono protagonisti i Comuni di Sabaudia e Minturno.

Ma ogni epoca storica ha i suoi governanti!

Archivi