Per la storia dei furti e della rapine nel sud pontino  si attivino immediatamente la DDA e la DIA.Non é roba di Latina o di Cassino e delle forze dell’ordine locali.

 

 

 

LA STORIA DELL’ONDATA DEI FURTI E DELLE RAPINE A SS,COSMA E DAMIANO,CASTELFORTE,MINTURNO E NEL SUD PONTINO NON VA LETTA IN MANIERA SEMPLICISTICA E IN UN’OTTICA SOLAMENTE DI ORDINE PUBBLICO.SAREBBE RIDUTTIVO E DEVIANTE E NON SI ARRIVEREBBE A CAPO DEL PROBLEMA.

E’ UNA STORIA CHE HA ORIGINI LONTANE, DAI TEMPI,TANTO PER CITARE QUALCHE ESEMPIO,DELLE PALLOTTOLE CONTRO LO STABILIMENTO CIORRA,DEI PALLETTONI CONTRO IL CANCELLO DI QUALCHE AZIENDA DI LAVORAZIONE DEI RIFIUTI,DELLE MINACCE AGLI OPERAI DI UN CANTIERE E VIA DI SEGUITO.

NON SI VA IN UN TERRITORIO A FARE PER TANTO TEMPO AZIONI DI VIOLENZA SE DIETRO NON SI HANNO LE COPERTURE O QUANTO MENO L’ASSENSO DEI CLAN CHE DOMINANO.

CLAN CHE ,MESSI SOTTO PRESSIONE COME LO SONO OGGI,NON DISPONGONO DELLE RISORSE DELLE QUALI DISPONENVANO IERI E CHE HANNO URGENTE BISOGNO,PERTANTO,DI LIQUIDITA’ IMMEDIATA PER PAGARE LE FAMIGLIE E GLI AVVOCATI DI CAPI E SOLDATI CHE STANNO IN CARCERE ALLA VIGLIA DELLE FESTE NATALIZIE E DI FINE D’ANNO,C’E’,QUINDI,DA ASPETTARSI UNA RECRUDESCENZA DELLE RAPINE E DEI FURTI CHE NON SONO DI CERTO LE FORZE DELL’ORDINE LOCALI IN GRADO DI FRONTEGGIARE..PIU’ CHE DI QUANTITA’ BISOGNA ORA PARLARE DI QUALITA’ DELLE INDAGINI,DI UN LAVORO DI INTELLIGENCE PERCHE’ SE NON SI ARRIVA AI CAPI,ALLE MENTI,A COLORO CHE ORDINANO LE AZIONI ,SI FARA’ SEMPRE UN BUCO NELL’ACQUA.SE NE ARRESTANO 10 OGGI E NE SPUNTERANNO 20 DOMANI,40 DOPODOMANI,IN UN CRESCENDO CONTINUO FINO ALLA FINE DELL’ANNO.IL SUD PONTINO E’ TERRITORIO DI CAMORRA CONTROLLATO MILITARMENTE DALLA CAMORRA E DIETRO OGNI AZIONE VA VISTA LA CAMORRA.

LE FORZE DELL’ORDINE LOCALI NON SONO ATTREZZATE PER COMBATTERE LA MAFIA.

QUESTA E’ MATERIA NON DI PROCURE ORDINARIE E DI FORZE LOCALI,MA DI BEN ALTRO,PIU’ QUALIFICATO ED ESPERTO.

TANTO PER INTENDERCI MEGLIO,DI DDA,DIA E QUANT’ALTRO DEL GENERE.

SI SCONTANO DECENNI DI DISATTENZIONE E DI NEGAZIONISMO,PURTROPPO.

E,QUINDI,DI IGNORANZA E DI IMPREPARAZIONE.

QUALCHE FORZA POLITICA SENSIBILE AI PROBLEMI DELLA LEGALITA’ E DELLA LOTTA ALLE MAFIE SI COMINCI A MUOVERE,IN SEDE PARLAMENTARE E DI COMMISSIONE ANTIMAFIA,E COMINCI A CHIEDERE L’INTERVENTO IMMEDIATO DEL MINISTRO DELL’INTERNO.

LASCI LATINA E PENSI DIRETTAMENTE A ROMA.

AL RESTO CI PENSIAMO NOI DELL’ASSOCIAZIONE CAPONNETTO PER QUANTO RIGUARDA I NOSTRI AMBITI.

 

ASSOCIAZIONE CAPONNETTO

Archivi