Ora intervengano DDA e Procura di Latina suile aggressioni a Fondi

ALTRO CHE “STAVANO LI’ PER CASO”! SE NON CI FOSSERO STATE LE FORZE DELL’ORDINE CI AVREBBERO BUTTATO GIU’ DAL PALCO! ORA ASPETTIAMO CHE DDA DI ROMA E PROCURA DELLA REPUBBLICA DI LATINA APRANO I RELATIVI FASCICOLI!!!

Altro che “stavano lì per caso”!

Alcuni sono venuti verso il palco con intenzioni non certo pacifiche e questo ha indotto le forze dell’ordine a stendere un cordone di protezione.

Vergogna!

Ora anche i ciechi si sono potuti rendere conto di come stanno le cose a Fondi, città dove a comandare non è di certo lo Stato.

I cittadini che hanno partecipato alla manifestazione contro le mafie sono stati fotografati uno per uno con i cellulari.

Un chiaro atto intimidatorio, da paese incivile, come succede a Corleone, Locri e in Campania.

Noi, comunque, anche se provocati, offesi, impediti di esporre le nostre tesi, non abbiamo paura.

Andiamo avanti per liberare Fondi e la provincia di Latina dalle mafie.

Intanto, però, le due Procure di Roma e di Latina aprano due fascicoli per perseguire i reati commessi.

Non si può tollerare che delle leggi dello Stato a Fondi si faccia carta straccia e che la gente debba essere terrorizzata.

Archivi