Omicidio Restagno.Tanti depistaggi,anche ad opera di elementi appartenenti alle forze dell’ordine.Nelle sentenza i giudici lo rilevano e ritrasmettono gli atti alla DDA di Palermo per procedere a loro carico per falso .Intanto la legge é bloccata in Parlamento e non viene approvata.

Omicidio Rostagno: depistaggi decisivi

(ANSA) – ROMA, 29 LUG – “Nell’omicidio Rostagno ci sono depistaggi decisivi, ma in Senato la legge e’ bloccata. Nelle oltre tremila pagine di motivazioni depositate ieri dai Giudici Pellino e Corso sulla sentenza che ha condannato i mafiosi di Trapani per l’omicidio di Mauro Rostagno, ucciso il 26 Settembre del 1988, il veleno e’ in coda: la Corte ha trasmesso alla Dda di Palermo la posizione di dieci testimoni che avrebbero detto il falso e tra questi ci sono due appartenenti alle Forze dell’ordine: il carabiniere Cannas e il finanziere Voza”. A sostenerlo e’ il deputato Pd Davide Mattiello, componente delle Commissioni Giustizia e Antimafia. “Scrivono i giudici – spiega Mattiello – che fin dai primi momenti successivi all’omicidio cominciarono le anomalie investigative: cose non fatte, oggetti scomparsi, come la video cassetta su cui Rostagno aveva scritto ‘Non toccare’. Uno scenario che fa capire come l’omicidio di Rostagno non interessasse soltanto alla mafia, ma anche ad ambienti istituzionali, anch’essi infastiditi e preoccupati per il lavoro tenace di Rostagno”. “Un film – osserva Mattiello – che si ripete nella storia del nostro Paese, ne abbiamo avuto altra recente prova nella sentenza di condanna per la strage di Piazza della Loggia a Brescia la scorsa settimana: i cani sbranano, quando qualcuno li sguinzaglia”. “Per tutto questo – prosegue – ci siamo impegnati alla Camera a votare il nuovo reato di depistaggio e inquinamento processuale: il testo e’ stato trasmesso al Senato il 3 Ottobre 2014, assegnato alla Commissione Giustizia e da quel momento tutto si e’ fermato. Perche’? Mi rivolgo al presidente Grasso e al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, perche’ si faccia uno sforzo: tra pochi giorni sara’, di nuovo, il 2 Agosto e ricorderemo la strage di Bologna. Lo Stato non ci arrivi a mani vuote: approvare quel testo, e’ doveroso ed e’ anche possibile”, conclude il deputato dem. (ANSA). 

Archivi