Obsequium amicos, veritas odium parit. L’ossequio genera amici, la verità odio. Ecco perché siamoi indigesti, perché diciamo la verità. Siamo nella cacca!!!

Berlusconi demonizza “Mani Pulite” e la definisce un… ”colpo di stato”, ma in Italia -e nel nostro caso, nel Lazio – di “Mani Pulite” ce ne vorrebbero tutti i giorni e dobbiamo ringraziare Magistratura e Forze dell’ordine se ogni cittadino non viene costretto a pagare mazzette anche per respirare.

In appena due-tre giorni abbiamo appreso:

della richiesta da parte del PM di Milano di 5 anni di carcere per Berlusconi,

dell’arresto del capogruppo dell’UDC al Comune di Sabaudia per mazzette,

dell’arresto di un consigliere comunale del PD a Pomezia per corruzione,

di un avviso di garanzia al Presidente del Consiglio Comunale di Formia, del PDL, per gravi reati di abusivismo.

Siamo in un oceano di cacca.

L’immagine della politica sempre più nel fango e, mentre il Paese è precipitato nel baratro e le masse di disperati si ingrossano sempre di più, c’è chi, attraverso e nella politica, sguazza nell’opulenza.

Sulla pelle della povera gente.

Ci auguriamo che le persone sopraccitate riescano a dimostrare la loro innocenza e non intendiamo condannarle prima che si pronunci in maniera definitiva la Magistratura, anche se fra di esse c’è chi è stato arrestato con le mani nel sacco,.

Ma noi stiamo parlando di amministratori pubblici, di noti esponenti politici chiamati ad amministrare il denaro pubblico, quello di noi cittadini e un amministratore pubblico dovrebbe comportarsi come la moglie di Cesare, essere, cioè, al di sopra di ogni sospetto.

La sua condotta dovrebbe essere limpida e trasparente, al di là ed al di sopra dei giudizi e dei provvedimenti di natura giudiziaria.

Ora, però, in attesa dei pronunciamenti definitivi della Magistratura, sarebbe bello se i relativi partiti di appartenenza dei soggetti citati adottassero almeno un provvedimento cautelare di sospensione nei confronti degli stessi.

Questo si verifica nei paesi civili e “normali” dove c’è almeno una parvenza di democrazia.

Archivi