O con la mafia o contro.

Ora,dopo l’allarme lanciato da tutti i Procuratori ed i Presidenti delle Corti di Appello d’Italia,non ci sono più albi per chicchessia: o con la mafia o contro.Ma non solo a chiacchiere !!!!!!

L’ALLARME LANCIATO DA TUTTA LA
MAGISTRATURA ITALIANA:
”    E’ MAFIA ” !!!!!!!!!

A parte una nota  ingenerosa della critica ai
magistrati in frontiera di Palermo
che,peraltro, non ……”ci azzeccava”
proprio,ieri in tutte le Aule giudiziarie italiane
é stato un coro:
LA MAFIA HA OCCUPATO IL PAESE.
Economia,politica,istituzioni,società sono
ormai sotto il tallone delle mafie.
Corruzione e mafie devastano il Paese e lo
stanno privando di qualsiasi speranza di
rinascita.
Da una parte i Gennaro Ciliberto ,i Dipalo,i
Francesco Paolo,i Gigino Coppola,le
Carmelina e quanti altri che si sono giocati
tutto per difendere la Giustizia ed il buon
nome del Paese nel mondo,dall’altra una
massa infinita di ladri,di corrotti,di imbelli,di

vigliacchi e di mafiosi che stanno al gioco ,non
insorgono e che costituiscono gli eserciti  di
Gomorra.
L’Italia dei quacquaracqua’ che stanno
distruggendo la nazione  fregandosene
dell’avvenire dei propri stessi figli i quali si
troveranno a vivere in un inferno.
Che dire di più?
Vogliamo vedere  come si comporteranno,da
oggi in poi, tutti coloro che hanno preferito
tacere o,al più,concepire la lotta alle mafie
come uno spettacolo,un palcoscenico,una
recita,ignorando quello che é avvenuto ed
avviene tutti i giorni sotto gli occhi di tutti.
Vediamo!
L’allarme non viene, questa volta,  dal singolo
magistrato accusato da Berlusconi ed i suoi
seguaci di  “fare politica”,ma da tutta la
Magistratura , da Torino a Palermo:
E’MAFIA !!!!!
Dovunque ed in tutti gli ambienti,nessuno
escluso.

Ora non ci sono più alibi per nessuno ed
ognuno é chiamato a fare una scelta:
o si scende in campo con quelle poche
associazioni in Italia che veramente stanno al
fronte a combattere una guerra dagli esiti
,peraltro,incerti perché ormai i buoi sono
scappati dalla stalle e la mafia é diventata
padrona di tutto  o si sta con la mafia.
Non c’é una terza via.

Archivi