Nuovo attacco al Parco dei Monti Ausoni e al Monumento Naturale del Lago di Fondi? L’allarme del PD

PARTITO DEMOCRATICO
Cittadino di Fondi
Piazza Porta Vescovo nr. 21
www.democraticifondi.it

COMUNICATO STAMPA

NUOVA ATTACCO AL PARCO DEI MONTI AUSONI E LAGO DI FONDI DA PARTE DEI SOLITI NOTI

Ritornano con una cadenza annuale impressionante gli attacchi contro il Parco Dei Monti Ausoni e Lago di Fondi e Monte San Biagio da parte del Popolo delle Libertà. In prima fila sempre gli stessi personaggi: Armando Cusani, Giovanni Di Giorgi, Enrico Tiero, Maria Burani in Procaccini.

Un bel team di difensori degli interessi corporativi di qualche centinaia di cacciatori e non solo.

Ricordiamo che nel settembre 2010 nel piazzale antistante la Stazione ferroviaria di Monte San Biagio si svolse una manifestazione indetta dal comitato “Parco, no grazie”, alla quale diedero la lora adesione i personaggi politici sopra menzionati.

Il Presidente della Provincia Armando Cusani in quell’occasione definì il Parco dei Monti Ausoni un parco della “vergogna”.

E’ di ieri la lettera che il consigliere regionale e presidente della Commissione mobilità, Giovanni Di Giorgi, ha inviato al presidente del Consiglio regionale, Mario Abruzzese, per chiedere l’inserimento all’ordine del giorno di una sua mozione riguardante, appunto, il Parco dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, con la quale si sollecita di rivedere una nuova perimetrazione.

Il Partito Democratico ritiene miope ed ottusa l’insistenza contro un’area protetta che può diventare un fondamentale volano anti-crisi per il territorio. Sarebbe opportuno mettere la parola fine a questa farsa, riaffermando l’intangibilità dei confini originari del perimetro del Parco dei Monti Ausoni e, più in generale, valorizzando l’intero sistema regionale delle aree protette che deve essere sostenuto e rilanciato con adeguati investimenti.

Ricordiamo a noi tutti che il cuore del parco e il Lago di Fondi, sono oggetto da anni di appetiti speculativi immobiliari. Società di origini napoletane hanno presentato, già più di 10 anni fa, un progetto di lottizzazione che prevede la realizzazione di 5.000 alloggi, una cementificazione pari a 400.000 metri cubi su 400 ettari di cemento, per un valore di 300-400 milioni di euro.

L’istituzione del Monumento naturale del Lago di Fondi prima e la successiva creazione del Parco naturale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, hanno posto un vincolo di tutela paesaggistica sull’area interessata.

Fondi, lì 05 NOVEMBRE 2011

Bruno Fiore, Consigliere comunale del Partito Democratico di Fondi

Archivi