.NON SE NE PUO’ PROPRIO PIU

.NON SE NE PUO’ PROPRIO PIU’.E’ VOMITEVOLE QUELLO CHE STA AVVENENDO IN ITALIA. FATTO SALVO IL PRINCIPIO DELLA PRESUNZONE DI INNOCENZA FINO  A CONDANNA DEFINITIVA ED A PRESCINDERE DA QUESTO FATTO,OGNI GIORNO CE NE TOCCA LEGGERE ED APPRENDERE DI COTTE E DI CRUDE.VOGLIAMO INTERROGARCI UNA VOLTA TANTO SUL TIPO DI ESEMPI CHE STIAMO DANDO AI GIOVANI  ???? QUANDO NOI DICIAMO CHE  SONO TEMPO E SOLDI PERSI QUELLI DI CHI VUOLE ANDARE NELLE SCUOLE A PARLARE DI LEGALITA’ QUANDO NELLA SOCIETA’,NELLA FAMIGLA,E TAVOLTA ANCHE NELLA CHIESA,DIAMO  ESEMPI DI IMMORALITA’ E DI INDECENZA.
SE NON CI SONO  SINERGIA,OMOGENEITA’,ASSONANZA FRA  LE PIU’ IMPORTANTI AGENZIE EDUCATIVE E FORMATIVE, LASCIAMO PERDERE TUTTO ED ASPETTIAMO,-RASSEGNATI E TUTTI,ONESTI E DISONESTI,LADRI E VIRTUOSI,PERSONE PERBENE E MAFIOSE-LA CADUTA  NEL PRECIPIZIO,PERCHE’ PER IL PAESE DEL BUNGA BUNGA,DEI LADRI E DEI MAFIOSI LA FINE,SECONDO NOI IMMINENTE,NON PUO’ CHE NoN ESSERE QUESTA.NELL’IGNOMINIA E,SCUSATECI,NELA MERDA  TOTALE !

L’ex sottosegretaria Pd Barracciu condannata a 4 anni per peculato

È accusata di aver utilizzato per fini privati 81 mila euro stanziati dal Consiglio regionale della Sardegna per l’attività politica

Francesca Barracciu, 51 anni, ex sottosegretaria alla Cultura del governo Renzi

PUBBLICATO IL 05/12/2017
ULTIMA MODIFICA IL 05/12/2017 ALLE ORE 12:46
NICOLA PINNA
CAGLIARI

La storia della benzina utilizzata per raggiungere il Consiglio regionale e per gli spostamenti di rappresentanza non ha convinto il giudice. Spendere 81 mila euro, che per legge dovevano destinati all’attività politica, non è altro che un reato. E per questo l’ex sottosegretaria alla Cultura, Francesca Barracciu, è stata condannata a 4 anni per peculato dal giudice del Tribunale di Cagliari.

 

La vicenda è quella che nelle cronache è stata ribattezzata come “Rimborsopoli”. L’inchiesta ha travolto quasi tutta la classe politica della Sardegna e quasi cento ex consiglieri regionali si sono ritrovati sotto processo. Compresa Francesca Barracciu, con un passato da europarlamentare e diventata famosa per una serie di polemiche scatenate via social con attori e altri personaggi che la deridevano proprio per l’inchiesta che oggi si è chiusa con la condanna in primo grado.

 

Dall’incarico di sottosegretaria, la Barracciu si era dimessa a ottobre del 2015, poco dopo la conclusione dell’udienza preliminare che aveva sancito il rinvio a giudizio. L’accusa nei suoi confronti era quella di aver utilizzato indebitamente 81 mila euro stanziati dal Consiglio regionale della Sardegna per l’attività dei gruppi. Una storia simile a quella degli altri politici, per alcuni dei quali i giudici avevano addirittura disposto l’arresto. In tribunale, Francesca Barracciu si è sempre difesa con la stessa spiegazione: «Ho speso quei soldi per la benzina, per spostarmi dal mio paese e svolgere l’attività politica». Una spiegazione che non ha convinto il pubblico ministero che aveva chiesto una condanna a cinque anni e neppure i giudici che oggi le hanno inflitto una pena di quattro anni.

 

L’avviso di garanzia a Francesca Barracciu era arrivato quando in Sardegna si stava decidendo il nome del candidato governatore. Lei aveva già vinto le primarie, ma il suo partito (il Pd) aveva preferito sostituirla con Francesco Pigliaru. Lei si era opposta con tutte le forze e alla fine aveva ottenuto un risarcimento: l’incarico di sottosegretario nel governo Renzi. «Sono l’unica che si è dimessa da tutte le cariche e in questi anni sono stata lasciata da sola – ha commentato alla fine dell’udienza – Non sono complottista ma questi anni sono stati molto duri: forse sono diventata una persona migliore, certamente più forte. E con questa forza affronterò anche il secondo grado di giudizio».

Archivi