“..Non ci siamo persi di vista..Per la legalità e la costituzione.”

Non ci siamo persi di vista…

Per la legalità e la costituzione.

“La libertà, come tutti i beni della vita, come tutti i valori, non è qualcosa che si può conquistare una volta per sempre, ma necessita un lavorio costante di conservazione attraverso lo sforzo di ogni giorno, rendendosene degni, avendo un animo abbastanza forte per affrontare la lotta in questione” Arturo Carlo Temolo.

L’attacco portatola giudice Adriano Sansa per l’espressione del suo pensiero al di fuori delle proprie funzioni, è un attacco al Consiglio Superiore della Magistratura che lo ha designato al ruolo di Presidente del Tribunale dei Minori di Genova, sulla base del dettato Costituzionale.

Il Ministro Castelli ignorando le esigenze del Tribunale Minorile paralizzato da oltre un anno, ha bloccato la nomina unanime del CSM, non per questioni tecniche bensì per le opinioni critiche verso l’operato del Governo. Questo è il sistema giudiziario perseguito dal Governo Berlusconi: azzeramento dell’indipendenza e dell’autonomia della Magistratura, svuotamento del Consiglio Superiore della Magistratura.

L’attacco al Giudice Giancarlo Caselli perché ha affermato che i legami interessati di Giulio Andreotti, intercorsi sino al 1980, con Cosa Nostra sono stati accertati e confermati nella sentenza definitiva ma caduti in prescrizione, è un segnale altrettanto grave e preoccupante. Un Giudice ha il dovere di attenersi agli atti, ai fatti ed alla verità provata. Questo hanno fatto il Giudice Caselli ed il pool di Palermo. Ma oggi in Italia il Potere non vuole che si considerino i fatti, non vuole che si abbia memoria.

“Una volta un Giudice giudicò chi aveva dettato le leggi. Prima cambiarono il Giudice, subito dopo la legge” Fabrizio De Andrè.

Quando un sistema giudiziario viene posto sotto il controllo del Governo la legge non è più uguale per tutti i cittadini. Il Giudice non sarà più libero di giudicare serenamente se condizionato dal Potere, se è il Governo che controlla e decide le nomine e le promozioni. Le Leggi approvate sino ad ora (e che il popolo italiano non ha voluto) sono andate in questa direzione e la proposta di riforma complessiva che oggi è in discussione in Parlamento completa il disegno. Passo dopo passo (sistema di elezione del CSM, norme di accesso, carriere e promozioni, riforma della Corte Costituzionale) sono complessivamente un palese sovvertimento dell’ordine costituzionale del Paese. E’ una riforma illiberale.

“Contro lo Stato assoluto, in cui il sovrano, ha il potere senza limiti giuridici, cioè legibus solutus, lo Stato liberale è uno Stato limitato, cioè uno Stato in cui si tende ad eliminare il più possibile gli abusi del potere, e quindi a garantire la libertà dei cittadini dall’ingerenza dei pubblici poteri” Norberto Bobbio.

La lotta alle Mafie non è più priorità del Governo, non vengono sostenuti quei Giudici che la perseguono, sono stati “dissolti” quei provvedimenti figli dell’opera di Caponnetto, Falcone e Borsellino. Non viene promossa la cultura della legalità, bensì vengono approvati quei provvedimenti come la Devolution che rappresentano una richiesta storica di Cosa Nostra per controllare definitivamente senza più ostacoli i territori nei quali opera, sostituendosi allo Stato.

La revisione delle norme sui pentiti, i tentativi di rivisitazione della legge sul sequestro e riutilizzo a fini sociali dei beni sequestrati ai mafiosi, la semplificazione delle norme di appalto, le riforme del diritto societario, la riduzione delle scorte ai Giudici delle Procure a rischio. Sono segno evidente della direzione imboccata dal Governo: il ritiro delle Stato.

Oggi per instaurare un regime, non c’è più bisogno di una marcia su Roma né di un incendio del Reichstag, né di un golpe sul Palazzo d’inverno. Bastano i cosiddetti mezzi di comunicazione di massa: e fra essi, sovrana e irresistibile, la televisione” Indro Montanelli.

 

Viviamo sotto un controllo quasi assoluto di informazione. Il cancro del conflitto di interessi ha segnato e determinato l’elezione del Governo e della maggioranza che nel Parlamento lo sostiene e lo protegge con voti di fiducia e scambi d’interessi. La cultura liberale di cui siamo parte ha sancito la separazione dei poteri al fine di evitare degenerazioni autoritarie: la Magistratura, e con essa la Corte Costituzionale, è un potere autonomo e indipendente dal Governo. Quale “ostacolo” di un progetto eversivo viene ora messo in discussione. Occorre opporsi al disegno di assoggettamento della Magistratura al potere politico, è un dovere morale e civile di ciascun cittadino, per la salvaguardia della nostra Repubblica democratica.

 

“Ai guasti di un pericoloso sgretolamento della volontà generale, al naufragio della coscienza civica nella perdita del senso del diritto, ultimo, estremo baluardo della questione morale, è dovere della collettività “resistere, resistere, resistere” come su una irrinunciabile linea del Piave” Francesco Saverio Borrelli.

 

La Giustizia ha bisogno di investimenti, di aumento di organico, dell’assegnazione di adeguate scorte ai Giudici a rischio. Vi è bisogno di potenziare le strutture e l’organizzazione dei Tribunali e delle Procure per far fronte alle esigenze della comunità. Occorre riallinearci ai grandi Paesi civili e liberali in materia di controlli di legalità, di rigore morale nella gestione della cosa pubblica, di uniformità delle norme di contrasto al riciclaggio del denaro sporco come delle rogatorie. E’ irrinunciabile procedere alle riforme del sistema carcerario oggi distante dal dovere di recupero. Questo è necessario per il Paese e per questo ancora una volta ci mobiliteremo come cittadini liberi.

 

 

 

PER LA LEGALITA’, PER LA COSTITUIZIONE ITALIANA

 

A GENNAIO 2005

 

INCONTRIAMOCI A GENOVA

IL COMITATO PROMOTORE

“liberamente” di Genova

“Gruppo Abele” – Don Luigi Ciotti

“Coordinamento Milanese per la Giustizia”

“Movimento per la Giustizia (ANM)”

“Centro Falcone Borsellino” di Carmagnola

“PolEtica” di Alba

“Laboratorio per la Democrazia” di Firenze

“Movimento Università Opinione” di Genova

“I Girotondi per la Democrazia” di Ravenna

“Le Girandole” di Milano

“Communitas 2002” di Milano

“Prendiamo la Parola” di Parma

“Cittadini per l’Ulivo” di Finale Ligure

“Associazione Culturale ApertaMente” di Imperia

“Rete del Bottone . Coordinamento per la Legalità”

“L’Osservatorio per la Democrazia e la Giustizia” di Milano

“Bo.Bi” www.bobi2001.it

www.centomovimenti.com giornale telematico

www.giustizia-e-liberta.com rivista telematica

ADESIONI:

“Magistratura Democratica”

“Fondazione Antonino Caponnetto”

redazione www.democrazialegalita.it

“Circolo Culturale Aldo Moro” – Genova

“Associazione Chieti nuova 3 febbraio” – Chieti

“Nuovo CNL per la salvezza della costituzione” – Genova

“Circolo Bagdad Caffè” – Genova

 

LA DICHIARZIONE DI ADESIONE DI MD:

12 NOVEMBRE 2004

al Comitato promotore della manifestazione nazionale per la legalità

Finalmente una buona notizia, particolarmente opportuna in un periodo in cui di buone notizie ce ne sono davvero poche! La ripresa della mobilitazione della società civile sui temi della giustizia e, ancor più, della legalità e della Costituzione è un segnale importante che Magistratura democratica sottolinea con piacere e speranza. Lavorare per la legalità significa lavorare per la democrazia; difendere la Costituzione e quanto essa rappresenta significa difendere la democrazia e un sistema di diritti. Per questo apprezziamo la vostra iniziativa e saremo con voi alla manifestazione di gennaio a Genova.

Livio Pepino

Presidente di Magistratura democratica

SITI

http://www.genovaweb.org/manifesto.htlm

http://www.genovaweb.org/appellosansa.htlm

PER ADESIONE E CONTRIBUTI

c.abbondanza@genovaweb.org

INFORMAZIONI

Christian Abbondanza cell. 392-4682144

c.abbondanza@genovaweb.org

L’adesione dell’Associazione Regionale per il Lazio contro le illegalità e le mafie “A.Caponnetto” (www.comitato-antimafia-lt.org)

Aderiamo con calore all’inziativa, confermando il nostro fermo impegno a lottare con tutte le nostre forze ed insieme a voi tutti in difesa della legalità e della costituzione.

Elvio Di Cesare

Segretario Ass. Reg, Lazio “A. Caponnetto”

Archivi