NOMI E GLI ANNI. MADDALONI. ESTORSIONI ALL’IMPRESA DI CALCESTRUZZO DI CATURANO, dure condanne per due uomini del clan,,Si tratta di….


MADDALONI – La prima sezione penale del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha emesso la sua sentenza nei confronti di due persone di Caivano accusate di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Il pubblico ministero della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli aveva chiesto quindici anni di reclusione ciascuno per Giovanni Cipolletti, 34 anni, e Aniello Galdiero, 41 anni, entrambi di Caivano. I giudici del collegio B hanno inflitto una condanna di 6 anni e 10 mesi di reclusione ciascuno.

I due, secondo la ricostruzione della Dda, tentarono un’estorsione alla Calcestruzzi Volturnia Inerti Srl di Maddaloni, di proprietà di Aniello Caturano: furono gli agenti del commissariato di Maddaloni ad arrestare Aniello Galdiero e Giovanni Cipoletti, ritenuto dalla Dda vicino al clan Di Fiore di Acerra.

Secondo l’accusa i due si presentarono sul cantiere di Caivano dove la Calcestruzzi Volturnia Inerti stava fornendo il materiale e chiesero all’imprenditore Aniello Caturano, tre rate di estorsione da fornire a Natale, Pasqua e Ferragosto, facendo capire al malcapitato che non ottemperando avrebbe perso la tranquillità. L’imprenditore però denunciò tutto alla polizia facendo partire le indagini che portarono all’emissione del provvedimento cautelare. In allegato la sentenza e le foto dei due malviventi.

PUBBLICATO IL: 25 giugno 2016 ALLE ORE 19:31 

fonte:www.casertace.net

Archivi