‘Ndrangheta, dissequestrati beni della moglie dell’ex deputato Amedeo Matacena

‘Ndrangheta, dissequestrati beni della moglie dell’ex deputato Amedeo Matacena

Lo ha deciso con ordinanza del 18 febbraio scorso, resa nota oggi, la Corte di Assise di Appello di Reggio Calabria che ha accolto la tesi dei difensori

di Redazione 23 febbraio 2022

Sono stati revocati il sequestro preventivo e la confisca di tutti i beni che nel 2017 erano stati sottratti all’ex deputato Amedeo Matacena e a sua moglie Chiara Rizzo.

Lo ha deciso con ordinanza del 18 febbraio scorso, resa nota oggi, la Corte di Assise di Appello di Reggio Calabria che ha accolto la tesi dei difensori di Chiara Rizzo, gli avvocati Bonaventura Candido e Corrado Politi, e di Amedeo Matacena, avvocato Enzo Caccavari.

Il processo è scaturito dall’operazione “Breakfast”, condotta dalla Dia di Reggio Calabria nel maggio 2014, per il reato di procurata inosservanza di pena in favore dell’ex parlamentare forzista Amedeo Matacena, latitante a Dubai dopo la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa.

Dopo oltre 4 anni è stato definitivamente accertato che l’ingente patrimonio della famiglia Matacena (di cui Chiara Rizzo era ed è beneficiaria economica) non era sperequato rispetto alle entrate e ai redditi familiari, tutti lecitamente conseguiti.

Durante l’istruttoria la Corte di Assise aveva già restituito a Chiara Rizzo il consistente saldo attivo di un conto corrente che la stessa intratteneva alla Seychelles ed ora (a conclusione di una lunga istruttoria ed all’esito di un’approfondita perizia) la Corte, accogliendo integralmente le tesi e le richieste difensive (sostenute anche dalla procura generale) ha disposto l’immediata restituzione di tutto quanto a suo tempo messo sottochiave, ovvero immobili, società, navi, conti correnti e altri beni.

«Manifestiamo piena soddisfazione – affermano i legali – per un provvedimento che restituisce dignità (prima ancora che patrimonio) a Chiara Rizzo.

 

Abbiamo sempre creduto – nonostante le difficoltà – di poter conseguire questo risultato e ci rammarichiamo solo della circostanza che quanto rilevato dalle difese – e confermato dai periti nominati dalla Corte – era agevolmente desumibile dalla documentazione sequestrata. Oggi è stata scritta una pagina di vera Giustizia di cui andiamo fieri».

Il commento di Amedeo Matacena

«Sono ovviamente soddisfatto della sentenza della Corte d’assise d’appello di Reggio Calabria e ringrazio i giudici che hanno disposto il dissequestro dei miei beni ed il procuratore generale per averlo richiesto. Ringrazio anche i miei legali, Renato Vigna e Enzo Caccavari, per l’ottimo lavoro svolto». Lo afferma, in una dichiarazione, Amedeo Matacena, ex parlamentare di Forza Italia. «Ritengo necessario fare presente – aggiunge Matacena – che i beni dissequestrati sono soltanto miei. Ho già richiesto alla mia ex consorte la restituzione degli stessi e di tutto ciò che le avevo lasciato in custodia in quanto derivanti dall’attività imprenditoriale di mio padre, Amedeo senior, e mia. Sottolineo altresì – conclude l’ex parlamentare – che mi trovo a Dubai, e continuerò a restarci, per mia scelta e non perché trattenuto dalle autorità locali».

Fonte:https://www.lacnews24.it/cronaca/ndrangheta-dissequestrati-beni-della-moglie-dell-ex-deputato-amedeo-matacena_150819/

Archivi