Ndrangheta, 14 fermi: gestivano una “agenzia” per l’organizzazione delle latitanze

Ndrangheta, 14 fermi: gestivano una “agenzia” per l’organizzazione delle latitanze
La Repubblica, Martedì 5 Luglio 2016

Ndrangheta, 14 fermi: gestivano una “agenzia” per l’organizzazione delle latitanze
Operazione dello Sco e della Squadra mobile di Reggio Calabria contro giovani leve e affiliati storici dei clan Alvaro, Facchineri, Crea. Lavoravano affinché i boss potessero sotttarsi alla cattura

di ALESSIA CANDITO

REGGIO CALABRIA – Una filiera criminale, specializzata nella gestione delle latitanze. Un’agenzia di servizi, che per decenni ha permesso a pezzi da novanta dei clan della Piana di Gioia Tauro di sottrarsi alla cattura. È questa la rete smantellata questa mattina all’alba dagli uomini del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato e della Squadra Mobile di Reggio Calabria, che per ordine dei magistrati della Distrettuale reggina hanno arrestato 14 persone, tutte accusate a vario titolo di associazione mafiosa, favoreggiamento personale e procurata inosservanza di pena.

Giovani leve e affiliati storici dei clan Alvaro, Facchineri, Crea – famiglie che hanno scritto di proprio pugno la storia della ‘ndrangheta nella Piana di Gioia Tauro- tutti quanti avevano un ruolo specifico e definito nella struttura forgiata dai clan per rendere vani gli sforzi di inquirenti e investigatori.

Una “macchina” che per lungo tempo ha funzionato alla perfezione. Per vent’anni, fino al 29 gennaio scorso, i boss Giuseppe Crea e Giuseppe Ferraro, sono riusciti infatti a sottrarsi alla cattura, grazie ad una rete fitta di fiancheggiatori e sodali che ha permesso loro di diventare ombre, senza perdere un grammo del loro potere, come della facoltà di comando. Un meccanismo che si è messo rapidamente in moto anche quando Antonio Ciliona, esponente del clan Santaiti, ha deciso di sparire dopo la conferma della condanna all’ergastolo, rimediata in secondo grado nel processo Cosa Mia.  

Archivi