Napolitano chiede riforma giustizia, Berlusconi attacca giudici. Virgilio Notizie”. Non se ne può più di questi continui e deliranti attacchi alla Magistratura, alla stampa, allla Presidenza della Camrera. A tutti.

Anm: Berlusconi assurdo, alimenta le tensioni

Il presidente della Repubblica Giorgio napolitano ha chiesto ieri una “riforma organica” della giustizia “scevra dalle contingenze”, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, invece attacca giudici e pm e vorrebbe una commissione parlamentare d’inchiesta per accertare se per caso tra le toghe non via sia un disegno eversivo per rovesciarlo. Nel mezzo, il presidente del Senato Schifani a suggerire che la riforma va fatta “in tempi rapidi”, gli avvocati che si dicono “stanchi degli annunci” e spingono perchè si cominci a lavorare davvero e l’Associazione nazionale magistrati secondo cui l’atteggiamento di Berlusconi, con “le sue provocazioni e i suoi insulti”, ormai è “assurdo” e “alimenta le tensioni”. Ha fatto scalpore la registrazione video del premier che ha incontrato sotto casa un gruppo di supporter e si è sfogato sulle persecuzioni giudiziarie di cui è fatta “quotidianamente oggetto la sua persona” e di cui sono a rischio “tutti i cittadini”; i magistrati, una volta sentite su Repubblica Tv le parole del premier, hanno deciso di rompere il silenzio e replicare spiegando che “non se ne può più” di questi continui e “deliranti” attacchi. Nel mezzo di questa ‘guerra’, il presidente della Repubblica, in un messaggio al congresso dei penalisti (scritto quando ancora non si sapeva dello sfogo di Berlusconi sui giudici), è tornato ancora una volta a chiedere una riforma della giustizia fatta “con interventi non disorganici nè settoriali, ma di ampio respiro”, realizzata attraverso un confronto “anche serrato” ma “scevro da sterili contrapposizioni e non influenzato dalle contingenze”, dando “dando piena attuazione ai principi del giusto processo sanciti dall’articolo 111 della Costituzione”.

(Tratto da Virgilio Notizie)

Archivi