Napoli violenta – comunicato Ass. Antimafia Caponnetto

 

Ucciso a 17 anni:ass.Caponnetto,Renzi pronunci parole chiare
“La politica si assuma le proprie responsabilità”
ROMA
(ANSA) – ROMA, 10 SET – Dopo l’agguato costato la vita ad un diciassettenne nel Rione Sanità a Napoli, l’associazione Antimafia Caponnetto afferma di associarsi all’appello di tutti coloro cui non bastano le rassicurazioni verbali sul presunto progresso della città. “Una metropoli nella quale, proprio nei quartieri maggiormente a rischio, le telecamere di sorveglianza o non ci sono, oppure – come dichiara padre Zanotelli – non funzionano da mesi, nonostante gli accorati appelli degli abitanti. Una città in cui l’occupazione giovanile resta a livelli abissali se confrontata a quella del resto d’Italia, e dove la scuola troppo spesso boccia, o espelle, quando invece quel disagio lo dovrebbe accogliere al proprio interno, trovando le capacità per trasformarlo in azioni solidali rivolte al bene comune”.
Di fronte a tutto questo l’associazione Caponnetto afferma di non credere che possa bastare il “rinforzo” dei 50 uomini inviati dal ministro Alfano, specialmente se non vengono potenziate ed affinate le attività d’intelligence. La Caponnetto chiede che la politica si assuma le proprie responsabilità: “il premier Renzi pronunci parole chiare su quanto sta accadendo a Napoli e sulle iniziative che il governo intende assumere, anche per supportare l’azione di una amministrazione locale che si mostra in queste ore impegnata più che altro a scaricare su altri le cause dei gravi fenomeni in atto”.(ANSA).
VR-COM/
S0B QBXB

 

 

Da: domina.comunicazione@libero.it [mailto:domina.comunicazione@libero.it]
Inviato: giovedì 10 settembre 2015 07:36
A: domina.comunicazione@libero.it
Cc: ufficio_stampa@governo.it
Oggetto: Napoli violenta – comunicato Ass. Antimafia Caponnetto

 

comunicato stampa

 

Napoli violenta – La Caponnetto si associa alle posizioni di padre Alex Zanotelli

 

“Abbiamo tutti le mani che grondano sangue”. Pesano come pietre le parole pronunciate da padre Alex Zanotelli nell’intervista al Mattino dopo l’assassinio del diciassettenne al rione Sanità di Napoli. Genny, questo era il suo nome, è diventato il simbolo della violenza delle gang giovanili che stanno terrorizzando la città. Alcuni le chiamano “paranze”, Roberto Saviano parla delle “stese”, raid in motorino sparando all’impazzata per “stendere” gli abitanti, cioè sottometterli alla volontà di chi comanda quella zona. Perché una cosa è certa: questo drammatico fenomeno è collegato ai clan della camorra, di cui i minorenni con la pistola facile rappresentano oggi la punta avanzata.

L’Associazione Antimafia Caponnetto si associa all’appello di padre Zanotelli e di tutti coloro cui non bastano le rassicurazioni verbali sul presunto progresso della città. Una metropoli nella quale, proprio nei quartieri maggiormente a rischio, le telecamere di sorveglianza o non ci sono, oppure – come dichiara il prete comboniano – non funzionano da mesi, nonostante gli accorati appelli degli abitanti. Una città in cui l’occupazione giovanile resta a livelli abissali se confrontata a quella del resto d’Italia, e dove la scuola troppo spesso boccia, o espelle, quando invece quel disagio lo dovrebbe accogliere al proprio interno, trovando le capacità per trasformarlo in azioni solidali rivolte al bene comune.

Di fronte a tutto questo non crediamo possa bastare il “rinforzo” dei 50 uomini inviati dal ministro Alfano, specialmente se non vengono potenziate ed affinate le attività d’intelligence.

La Caponnetto chiede che la politica si assuma le proprie responsabilità: il premier Renzi pronunci parole chiare su quanto sta accadendo a Napoli e sulle iniziative che il governo intende assumere,  anche per supportare l’azione di una amministrazione locale che si mostra in queste ore impegnata più che altro a scaricare su altri le cause dei gravi fenomeni in atto.

 

 

Roma, 10 settembre 2015

 

Ufficio stampa Associazione Antimafia Caponnetto

contatti: 347 0515527 – 347.3615263

https://www.comitato-antimafia-lt.org/

Archivi