Napoli è emergenza babygang: «Agiscono senza zone franche».SITUAZIONE SEMPRE GRAVISSIMA MENTRE IL MINISTRO MINNITI,IL GOVERNO E LE ISTITUZIONI CONTINUANO A  NON MUOVERE PAGLIA.CHIACCHIERE SU CHIACCHIERE E NON SI MUOVE FOGLIA.VERGOGNATEVI! QUESTA E’ COLLUSIONE CON LA CAMORRA !!!!

Il Mattino, 25 gennaio 2018

Napoli è emergenza babygang: «Agiscono senza zone franche»

di ​Viviana Lanza

La violenza delle babygang ha una nuova strategia, sconfina anche in quartieri della città fino a poco fa ritenuti «zone franche», e si ispira a modelli negativi e sempre più feroci. «È una sorta di evoluzione criminale del bullismo che non può essere sottovalutato ma deve essere oggetto di grande attenzione da parte di tutte le istituzioni». È così che il presidente della Corte di Appello Giuseppe De Carolis di Possedi commenta il fenomeno delle cosiddette babygang analizzando i dati sull’annuale andamento della giustizia. A leggere i numeri su reati commessi e processi celebrati, più di emergenza si potrebbe parlare di nuove modalità di azione su cui l’attenzione degli uffici giudiziari resta alta: i baby criminali sono più violenti e agiscono un po’ ovunque.

«Fermezza e recupero» devono essere gli aspetti centrali nell’opera di contrasto al fenomeno secondo il procuratore generale Luigi Riello. L’obiettivo dovrà essere frenare il senso di impunità che incoraggia la violenza e investire anche nella prevenzione, nella bonifica sociale, nel sostegno a famiglie in difficoltà.

Nel complesso, tuttavia, i dati su reati e giustizia descrivono una situazione di non particolare emergenza. Il numero dei reati più gravi è in calo rispetto al passato, e così il numero di procedimenti iscritti: – 15,1% presso le procure del distretto e – 24% presso il tribunale dei minorenni. Nell’ultimo anno sono diminuiti le rapine, le estorsioni, i furti, le associazioni a delinquere semplici, le violenze sessuali. Resta alto l’allarme per le connivenze tra camorra, politica e imprenditoria e su un abusivismo dilagante. «Questo appena concluso – ricorda Riello – è stato l’anno della tragedia di Torre Annunziata, degli incendi sul Vesuvio, del terremoto di Ischia che altrove non avrebbe fatto i danni che ha fatto sull’isola». Dai vertici giudiziari è assicurato un impegno sempre maggiore per la tutela dell’ambiente. Nel nostro territorio si contano 64 abitazioni abusive ogni 100 e nel campo degli interventi e delle demolizioni i magistrati hanno segnalato una scarsa collaborazione da parte di amministrazioni locali.

Archivi