Napoli, agguato nel quartiere di Ponticelli: uccisi due ragazzi, “uno è il boss del clan Barbudos”

Il Fatto Quotidiano, Martedì 7 giugno 2016

Napoli, agguato nel quartiere di Ponticelli: uccisi due ragazzi, “uno è il boss del clan Barbudos”

Raffaele Cepparulo, morto sul colpo, è stato trovato riverso per strada, mentre Ciro Colonna è stato portato, da persone ancora ignote, all’ospedale di villa Betania, dove è deceduto poco dopo

di F. Q.

Sono due giovani le persone uccise nel corso di un agguato in via Cleopatra, nel quartiere di Ponticelli a Napoli. Si tratta di Raffaele Cepparulo, 24 anni, e di Ciro Colonna, di 19: entrambi erano sull’uscio di un locale a piano terra quando sono sopraggiunti i sicari che hanno fatto ripetutamente fuoco.

Nel mirino dei killer, che secondo una prima ricostruzione sono giunti a piedi, è finito Cepparulo, che secondo il quotidiano il Mattinoè uno dei capi dei Barbudos (così chiamati per la barba che hanno alcuni ragazzi del quartiere), originario del Rione Sanità e da poco trasferitosi nella zona orientale di Ponticelli. Poi i proiettili hanno colpito Colonna, incensurato, che era a poca distanza. I sicari si sono quindi allontanati, sempre a piedi, infilandosi in una strada laterale dove si pensa avessero una moto o una macchia con la quale hanno proseguito la fuga.

Cepparulo è stato trovato riverso per strada ed è deceduto sul posto, mentre Colonna è stato portato da persone ancora ignote all’ospedale Villa Betania dove è morto poco dopo per le gravi ferite causate dai proiettili sparati da distanza ravvicinata.

Sul luogo dell’agguato sono giunti la polizia e i carabinieri del reparto operativo di Napoli e quelli del nucleo operativo di Poggioreale. Il duplice omicidio, secondo una prima ipotesi investigativa, può essere maturato nell’ambito dello scontro tra i vari gruppi criminali per il controllo delle attività illecite.

Archivi