n Veneto mafia a gogò.Se i cittadini veneti non cominciano ad organizzarsi in associazioni antimafia serie e che denunciano fatti concreti aiutando magistratura e forze dell’ordine nel combattere le mafie faranno la stessa fine di quelli delle regioni già sotto il dominio completo della criminalità.Se essi continueranno a sperare nella ……….“politica”!!!!………………………

 

19/01/2016 18:06

‘Ndrangheta, sequestrati beni per un milione di euro a tre affiliati cosca calabrese

Beni per circa un milione di euro sono stati sequestrati, in provincia di Vicenza, a tre persone ritenute vicine ad una potente cosca di ‘ndrangheta coinvolta in un’inchiesta sul traffico di cocaina dal Sud America 

Una villa, due appartamenti e un terreno in provincia di Vicenza, inoltre conti correnti, partecipazioni societarie ed un’autovettura, detenuti sia direttamente che attraverso prestanome.

Sono i beni, per circa un milione, sequestrati dalla Guardia di Finanza di Bologna a tre persone, ritenute vicine a una potente cosca della ‘Ndrangheta calabrese e coinvolte in un’inchiesta su un traffico di cocaina dal Sudamerica.

Si tratta di un emiliano, un pugliese e un calabrese, tutti gravitanti nel Vicentino, già arrestati (e condannati in primo e secondo grado) nell’ambito dell’indagine ‘Due Torri connection’ della Dda di Bologna, che nel 2011 aveva portato all’arresto di 14 persone tra Italia, Austria e Spagna, accusate di associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. A conclusione degli accertamenti delegati della stessa Dda, le Fiamme Gialle hanno ricostruito e proposto per il sequestro preventivo finalizzato alla confisca un complesso patrimoniale il cui valore e? risultato sproporzionato rispetto alla capacità economico-reddituale ufficiale dichiarata dagli imputati e dai rispettivi nuclei familiari. Le unità specializzate del Gico (Gruppo investigazione criminalità organizzata) sono riuscite a ricondurre ai tre soggetti il consistente patrimonio, finora mai intaccato da sequestri, attraverso complessi accertamenti bancari e utilizzando un applicativo informatico (denominato Molecola) ideato dal Servizio centrale di investigazione sulla criminalità organizzata della Finanza per individuare e “aggredire” i beni illecitamente accumulati dalla criminalità. Il decreto di sequestro è stato emesso dalla Corte d’Appello di Bologna su proposta della Procura generale. (ANSA).

Archivi