Moscherini e Monteduro

Moscherini: “Il giudice scinderà le due questioni”

Il Sindaco tranquillizza gli inquilini di via Pinelli sull’ipotesi di demolizione dello stabile sequestrato e prende di mira Monteduro. «Costituite un comitato sociale per sensibilizzare il Procuratore Capo Amendola. Chi ha fatto quell’esposto se ne assuma la responsabilità». Prevista per giovedì 27 una conferenza dei servizi alla quale parteciperanno dirigenti vecchi e nuovi del Comune. Poi un documento da portare in Tribunale

CIVITAVECCHIA – «Solo un atto precauzionale da parte di un magistrato il sequestro di via Pinelli, successivo a un esposto di Vincenzo Monteduro che dovrebbe vergognarsi di ciò che ha fatto». Questa in sintesi la considerazione del sindaco Gianni Moscherini in presenza dei residenti della palazzina coinvolta nello scandalo edilizio, circa quaranta persone che ora vedono solo un mutuo da circa due milioni di euro e temono di perdere le loro case. «Spero che il Procuratore Capo, Gianfranco Amendola – ha dichiarato il primo cittadino – scinda la responsabilità nei fatti, ammesso che ci sia, da una questione sociale che va comunque salvaguardata». Moscherini ha ribadito che l’amministrazione è per la legalità, contro l’abusivismo edilizio e l’arbitrio nell’applicazione delle norme: «Siate fiduciosi – ha affermato rivolgendosi agli inquilini in un’assemblea pubblica – diffidate dalle strumentalizzazioni e fornitemi una lista dei nuclei familiari da poter portare in Tribunale». Ha poi riferito di una conferenza dei servizi che si terrà tra una settimana: «Parteciperanno i dirigenti comunali, vecchi e nuovi ed elaboreremo un documento da trasmettere al Procuratore. Vi suggerisco – ha aggiunto Moscherini – di formare un comitato sociale per chiedere a gran voce di essere ricevuti dal dottor Amendola e per esprimere i nostri disagi». I tempi di definizione della vicenda saranno veloci secondo il Sindaco, che però, nel suo ottimismo, non ha accennato a nessuna ipotesi concreta di salvaguardia degli inquilini che rischiano di assistere alla demolizione dello stabile, nel caso in cui i fatti dovessero raccontare una realtà diversa.

(tratto da www.civonline.it)

Archivi