Monte San Biagio: appalti pilotati? Verifichi la Prfocura della Repubblica di Latina

“APPALTI PILOTATI, IL SINDACO AVREBBE FATTO A TACERE”, TITOLA “LA PROVINCIA” DI DOMENICA 26 SETTEMBRE U. S. , A PROPOSITO DI MONTE SAN BIAGIO

Un cazzottone vero e proprio in un occhio.

“Le ditte sono sempre le stesse, lavora sempre la stessa impresa grazie a parenti, amici e compari”, scrive il quotidiano, riportando le dichiarazioni dei consiglieri Rizzi, Basile, Masiello e Grossi.

Che incalzano: “Possibile che non esistono altre imprese che rispondano ai requisiti di idoneità morale, professionale, economica e finanziaria?”.

Abbiamo già parlato di Monte San Biagio parecchie volte sottolineando la vastità di fenomeni quali lo spaccio di stupefacenti e l’usura.

Vogliamo anche ricordare ai tanti immemori allocati in provincia di Latina che anche nelle indagini delle operazioni “Damasco” che hanno riguardato la vicina Fondi, si è parlato di una persona di Monte San Biagio.

Ora si parla di “appalti pilotati”.

Non abbiamo approfondito questo aspetto, ma, se le accuse provengono al riguardo da ben 4 consiglieri comunali, non pensiamo che esse siano infondate.

A questo punto, è opportuno che la Procura delle Repubblica di Latina affidi alla sua squadra di P. G. il compito di avviare approfondite verifiche.

Archivi