“Monnezza” a go go.Altro scandalo,altro arresto.

Un nuovo scandalo rifiuti, in manette Francesco Colucci della Unendo Spa

Anche Francesco Colucci del gruppo Unendo, socio privato della Latina Ambiente, tra le sei persone arrestate questa mattina per la vicenda della bonifica dell’ex Sisas. Si tratta dell’inchiesta dei carabinieri del Noe sul polo chimico lombardo Pioltello-Rodano (ex Sisal) alla periferia di Milano.

In manette sono finiti funzionari pubblici e titolari di impresa. Tra di loro anche Francesco Colucci, il presidente della Unendo, la società che detiene il 49% del capitale della Latina Ambiente. Proprio la società di Colucci è la holding a capo della bonifica dell’ex Sisas attraverso la Daneco Impianti, che si è aggiudicata l’appalto del Tmb nella discarica di Montello.

L’indagine disposta dalla Procura di Milano e durata oltre due anni “ha evidenziato varie condotte illecite che vanno dalla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, alla corruzione, alle attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, in ordine alla aggiudicazione dell’appalto per l’esecuzione dei lavori di bonifica del sito ed allo smaltimento dei rifiuti in siti di proprietà, previa fraudolenta declassificazione degli stessi da pericolosi a non pericolosi, con l’ottenimento di ingiusti profitti”.

Il business dei rifiuti continua a partorire nuovi scandali.

Archivi