MICHELE ZAGARIA DETERMINAVA GLI APPALTI nella facoltà di Architettura di AVERSA della SUN

MICHELE ZAGARIA DETERMINAVA GLI APPALTI nella facoltà di Architettura di AVERSA della SUN

Lo dichiara il collaboratore di giustizia Caterino, ne prende atto con molta serierà e riconoscendo a questa affermazione valenza probatoria nella formulazione del 416 bis ad Alessandro Zagaria, firmata dalla gip Anna Laura Alfano. Non ci credete? In calce al nostro articolo ci sono gli stralci dell’ordinanza

AVERSA – Le ordinanze vanno lette fino all’ultima pagina con grande attenzione perchè ci sono spunti molto interessanti anche nelle pieghe di ragionamenti che magari sviluppano un canovaccio principale che ti porterebbe in teoria altrove.

Nelle pagine conclusive dell’ordinanza che ha portato diversi mesi fa all’arresto dell’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere Biagio Di Muro, nella definizione dell’accusa di associazione a delinquere di stampo camorristico formulata ai danni di Alessandro, si fa riferimento anche all’appalto che la famiglia dello stesso Alessandro, figlio di Ciccio Zagaria proprietario del ristorante Il Tempio, si è aggiudicato nella facoltà di architettura della Sun di Aversa.

Detta così, la cosa non appare neanche una grande novità rispetto alle formulazioni giornalistiche pubblicare ai tempi in cui questa ordinanza fu eseguita. Ma leggendo bene queste poche righe, si coglie un aspetto molto importante: il gip del tribunale di Napoli che ha firmato l’ordinanza assume come veritiere, come significative e probanti le dichiarazioni rese dai collaboratori di giustizia Attilio Pellegrino e Massimiliano Caterino nei confronti di Alessandro Zagaria.

Tra queste ce n’è una che lo stesso gip cita come elemento fondante dell’accusa di 416 bis formulata ai danni del giovane faccendiere di Casapesenna, oggi recluso nel carcere sardo Badu e Carros di Nuoro. Ve la pubblichiamo integralmente nella formulazione del giudice: “Caterino Massimiliano conferma la vicinanza dei figli di Ciccio Zagaria, tra cui Alessandro, a Michele Zagaria, grazie al quale avevano ottenuto gli appalti per le mense dell’università di architettura di Aversa. Le circostanze gli sono state riferite da Zagaria Antonio e da Zagaria Carmine i quali gli raccontarono come Alessandro Zagaria fosse in buoni rapporti con Filippo Capaldo.”

Questo passaggio del gip trova riscontro preciso nella dichiarazione di Caterino che pubblichiamo integralmente qui sotto.

Se la lingua italiana non è una opinione qui viene detto che Michele Zagaria era in grado di orientare gli appalti alla Sun, facoltà di architettura. Ci piacerebbe sapere, se potessimo interrogarlo noi Caterino per un secondo, se questo controllo si esercitava impedendo a tutte le altre imprese che rispondevano alla gara di parteciparvi realmente oppure se Zagaria comandava anche nell’ufficio appalti della Seconda Università di Napoli.

Solo per curiosità.

G.G.

 

PUBBLICATO IL: 19 settembre 2016 ALLE ORE 19:59

fonte:www.casertace.net

Archivi