Malagrotta: l’Associazione “Fare Verde” chiede le dimissioni dell’assessore regionale Di Carlo dopo le sue dichiarazioni a Report

La mondezza puzza, ma certa politica non è da meno

DI CARLO: UN ASSESSORE ALLA VACCINARA

Fare verde chiede le dimissioni dell’assessore alla casa e ai rifiuti, si schiera contro il monopolio dei privati sui rifiuti e indica la soluzione nella raccolta porta a porta della differenziata.

ROMA, 23/11/2008 – La discarica più grande d’Europa, falde inquinate, aria irrespirabile, raccolta differenziata ai minimi termini, monopolio dei privati nella gestione dei rifiuti, uso di “nuove tecnologie” messe al bando nel resto d’Europa, produzione di diossina, mancanza di centraline, piani d’emergenza e controlli inesistenti. Questa è la situazione dei rifiuti a Roma, portata all’attenzione nazionale dalla trasmissione Report. Una situazione che Fare Verde denuncia da anni, aggravata oggi dalle incredibili affermazioni dell’assessore regionale Mario Di Carlo.

“Dopo le gravissime affermazioni fatte nel corso dell’ultima puntata della trasmissione televisiva Report” – afferma Massimo De Maio presidente nazionale di Fare Verde onlus – “è inammissibile che l’assessore Mario Di Carlo possa continuare a gestire serenamente la propria delega ai rifiuti nella Giunta della Regione Lazio. In un contesto tragico come quello della gestione dei rifiuti, scoprire che i massimi responsabili pubblici delegano completamente le scelte all’imprenditore privato Manlio Cerroni fa inorridire, ma al contempo spiega la mancanza di qualsiasi politica seria sul problema rifiuti”.

“Le affermazioni di Di Carlo” – aggiunge Claudia Iacobelli, presidente regionale di Fare Verde Lazio – “sono gravissime nella misura in cui prima giustificano l’invio di materiali riciclabili all’incenerimento contro qualsiasi normativa europea e, subito dopo, confermano i propri personali legami con l’imprenditore interessato a bruciare e non riciclare i rifiuti di Roma. Di Carlo sostenendo in modo molto colorito che a bruciare “certo non poteva essere verdura”, dimostra la totale inadeguatezza al ruolo che ricopre e fa emergere pesanti interrogativi sul perché la delega ai rifiuti sia stata assegnata a lui e non all’assessore all’ambiente che, di contro, ha recentemente lanciato progetti per la riduzione dei rifiuti.

Un capitolo a parte meritano le dichiarazioni del nuovo amministratore dell’AMA Panzironi che definendo la raccolta porta a porta dispendiosa offre un sostegno alle tesi di Di Carlo e apre la via al tutto in discarica/tutto da bruciare, tesi che fanno felice il monopolista Cerroni, ma non i cittadini romani”.

“Quanto dovremo aspettare,” – conclude Iacobelli – “per vedere Comune, Provincia e Regione costituirsi parte civile nei processi ambientali contro i gestori della discarica di Malagrotta, per avere le centraline e monitoraggi intorno a discarica e inceneritore, per avere amministratori, che si occupano di rifiuti tutelando gli interessi dei cittadini e non favorendo imprenditori privati?

Dopo il sequestro dell’inceneritore di Malagrotta, Roma deve avere il coraggio di aprire una nuova stagione nella gestione dei rifiuti. Per adesso, come segnale positivo, vorremmo vedere le dimissioni di Di Carlo”.

Per Informazioni: Claudia Iacobelli
presidente regionale Fare Verde Lazio
339 7632 885

Archivi