Mafie nella Capitale. Ora tutti fanno finta di cadere dalle nuvole

MAFIE A ROMA! CADONO TUTTI DALLE NUVOLE

Quando lo sostenevamo noi, tutti ci accusavano di fare… allarmismo!

Come al solito!

Quando lo ha detto Rita Bernardini, segretaria nazionale dei radicali, tutti hanno fatto finta di cadere dalle nuvole.

Poi, per amor di verità, lo ha sostenuto Di Pietro, che, integrando quanto sostenuto dalla Bernardini, ha affermato che le mafie stanno “dentro” e non solo “intorno” ai palazzi romani.

Pochi giorni dopo le dichiarazioni della Bernardini e di Di Pietro, la magistratura e le forze dell’ordine romane hanno individuato un grosso bene mafioso proprio nelle vicinanze di Palazzo Chigi.

Per anni abbiamo avuto una dura polemica con l’ex Prefetto di Roma Serra, prima deputato di Forza Italia ed ora deputato del Partito Democratico, il quale ha sempre sostenuto che… a Roma non c’è criminalità organizzata.

Le nostre note di replica sono state sempre censurate dalla grande stampa, quella stessa stampa che ora, con un’inversione di marcia tipica dell’Italietta prezzoliniana, dedica pagine intere alla denuncia di un argomento che le cronache avevano considerato fino a qualche tempo fa un vero e proprio tabù.

Meglio tardi che mai!

C’è chi ha pubblicato addirittura una mappa dei clan, delle ‘ndrine, della famiglie che operano dentro la Capitale e sul territorio circostante.

Così viene alla luce: che prestigiosi esercizi pubblici a via Veneto o Piazza Di Spagna sono di proprietà di soggetti appartenenti alle organizzazioni criminali; che alberghi, ristoranti ed addirittura studi medici sono di proprietà, spesso con prestanome “puliti”, di mafiosi e così via; che interi quartieri sono stati comprati da individui legati alla Triade cinese e così via; che i mafiosi sono riusciti ad inserirsi nelle istituzioni, nella politica, nel mondo delle professioni.

Ma queste cose non le stanno denunciando e contrastando, per quello che possono fare con tutte le limitazioni imposte da una legislazioni carente e dagli strumenti insufficienti, DNA, DDA, Commissioni parlamentari Antimafia, DIA e, non certo per ultime, le Associazioni, compresa la nostra???

Purtroppo, però, la gran parte dei partiti politici ha fatto finora orecchie da mercante.
Anzi!…

Archivi