Mafia nel Lazio, FdS Alemanno continua a negare la situazione e la Polverini ?

MAFIA NEL LAZIO: PEDUZZI-​ NOBILE (FdS), ALEMANNO CONTINUA A NEGARE E LA REGIONE?

“Alemanno continua a sottovalutare il fenomeno del controllo mafioso di vaste aree produttive della capitale. Prima di lui e per tanto tempo, i politici del centrodestra delle province laziali hanno negato l’esistenza della criminalità organizzata nei territori della nostra regione, in particolare nel subpontino. Poi il Governo non ha prontamente operato per lo scioglimento del comune di Fondi, per presunte infiltrazioni mafiose”.

È quanto affermano Ivano Peduzzi, capogruppo della Federazione della Sinistra alla Regione Lazio, e Fabio Nobile, portavoce di Roma e consigliere regionale della Federazione della Sinistra, commentando le parole del procuratore della Repubblica di Tivoli sul dramma della mafia nella capitale.

“Da anni, invece, la Direzione Investigativa Antimafia ed alcune associazioni come Libera, descrivono – con più relazioni sia al Parlamento che in Regione – un’allarmante e vistosa penetrazione di clan della camorra e della ‘Ndrangheta nel Lazio. Non più infiltrazioni ma un vero e proprio radicamento di cosche che nel nostro territorio hanno non solo esteso i propri traffici ma anche “investito” in nuovi settori strategici”.

“La Federazione della Sinistra, da sempre impegnata nei territori e con le associazioni in questa lotta, avanza la necessità di strutturare, con proposte e organismi appropriati, un più efficace contrasto a tutte le mafie”.

“Inviteremo associazioni e forze politiche e sociali – concludono i due consiglieri — a costruire insieme un percorso incisivo e vedremo quali saranno le risposte del centrodestra, di Alemanno e della Giunta Polverini!”.

(Tratto da Punto e a Capo online)

Archivi