MAFIA NEL LAZIO. Alberti (FdS): “Dimissioni di Del Balzo e subito una legislatura antimafia”

Si è aperto stamattina, con la proiezione in anteprima del documentario di Libera “La quinta mafia”, il convegno organizzato dalla Federazione della Sinistra dal titolo “…e poi dicono che la mafia nel Lazio non c’è…”. All’incontro partecipano esponenti della società civile impegnata contro la criminalità organizzata come Libera, l’associazione Caponnetto, il centro Peppino Impastato, Action, Legambiente, SOSimpresa Confesercenti, rappresentanti del sindacato edili e funzione pubblica della CGIL, il segretario del sindacato di polizia SILP, gli ex consiglieri regionali Fontana e Laurelli ed il membro della commissione parlamentare antimafia Russo Spena.

Presentando l’incontro Fabio Alberti, responsabile legalità del gruppo consiliare FdS, ha detto che “non dovrebbe più esserci bisogno di ricordare la presenza delle mafie nella nostra regione: sappiamo che queste ci sono eccome. Occorre andare oltre gli allarmi ed avviare una legislatura antimafia a cominciare dalla revisione delle normative sugli appalti e dalla introduzione della tracciabilità dei capitali.

“Per questo -ha proseguito Alberti- abbiamo proposto la costituzione di un’apposita commissione speciale. La società civile, la magistratura e le forze di polizia stanno facendo la loro parte. Non così la politica e le istituzioni.”

“E’ uno scandalo ad esempio – ha continuato- che la Commissione Lavori Pubblici della Regione Lazio sia ancora presieduta da una persona in carcere per associazione per delinquere di stampo mafioso. Abbiamo posto la questione nella conferenza dei capigruppo e stiamo attendendo. Se non succederà nulla chiederemo la convocazione straordinaria della commissione.”

(Tratto da Rifondazione Comunista Regione Lazio)

Archivi