Mafia: Coppola, bene Sicilia, anche Campania assuma testimoni giustizia

“La Sicilia premia chi si e opposto alle mafie e lo fa attraverso l’assunzione nella pubblica amministrazione per i testimoni di giustizia siciliani, mentre noi campani restiamo abbandonati e inascoltati”. Lo afferma Luigi Coppola, commerciante di Pompei (Napoli) che ha denunciato i camorristi che gli imponevano il pizzo diventando testimone di giustizia commentando il recente provvedimento del governo Crocetta. “La Campania invece sembra voler scoraggiare e non premiare chi denuncia. E anche al governo centrale non c’è mai stato un solo politico campano che si sia battuto in favore di un testimone di giustizia”, rimarca Coppola che si appella al governatore Caldoro: “Adotti un ddl per favorire lavorativamente chi si e opposto alla camorra e che oggi vive isolato e abbandonato in primis dalla politica campana”.

http://napoli.repubblica.it/dettaglio-news/16:52/4536924

Archivi