Ma Maroni vuole fare veramente la lotta alle mafie???!!!

MA MARONI VUOLE VERAMENTE COMBATTERE LE MAFIE? CON QUESTI APPARATI DELLO STATO NON ANDIAMO DA NESSUNA PARTE. UN ESEMPIO? QUANDO UN PREFETTO, COME QUELLO DELLA CAPITALE, DICE CHE “ROMA E’ UNA CITTA’ SICURA” QUALE MESSAGGIO ARRIVA ALLA GENTE???!

La rimozione di Prefetti come Mosca a Roma e Frattasi a Latina non rappresenta un segnale tranquillizzante.

Almeno per noi che vediamo crescere a dismisura l’occupazione del territorio del Lazio da parte delle mafie.

E ancor meno tranquillizzante è il… silenzio delle persone e degli stessi partiti del centrosinistra che non capiscono – o fanno finta di non capire – che simili azioni sono di una gravità eccezionale per la stabilità delle istituzioni.

I magistrati delle DNA e delle DDA dicono che “Roma è il crocevia di tutte le mafie”.

D’altra parte non ce ne sarebbe nemmeno bisogno di tali dichiarazioni per chi ha un minimo di attenzione al vissuto quotidiano.

Che Roma sia la capitale degli affari, anche di quelli sporchi, è sotto gli occhi di tutti.

Chi lo nega è in malafede.

Le vicende di queste ultime settimane che hanno visto coinvolti nei sospetti anche qualche investigatore e magistrato romani lo provano abbondantemente.

E’ il “sistema” che non tira.

Allora è inutile che Maroni si sbracci un giorno sì e l’altro pure a snocciolarci dati e controdati sugli arresti di mafiosi e delinquenti e sulle confische di beni mafiosi, quando, invece, dovrebbe andare a vedere negli apparati dello Stato, dove c’è la parte sana, ma anche quella marcia.

Faccia pulizia in casa, allora! Se vera, mente vuole fare la lotta alle mafie che si annidano proprio nella politica e nelle istituzioni.

Archivi