Ma chi è, oggi, il vero mafioso??? si sta combattendo il livello “basso” delle mafia, non quello “alto”

MA QUELLA CHE SI STA COMBATTENDO E’ LA VERA MAFIA?

“Convincetevi, signori miei, convincetevi: il fenomeno mafioso non è solo criminale, è un fenomeno che porta più lontano di quello criminale. I mafiosi hanno intese con qualunque ceto della società. Il mafioso sa accedere a tutti i livelli” (Tommaso Buscetta, audizione davanti alla Commissione Parlamentare Antimafia, 17 novembre 1992).

Quello che si sta combattendo è il livello “basso” della mafia, non quello “alto”, quello vero e più pericoloso.

Il famoso Prefetto Mori in Sicilia, quando cominciò a guardare al piano “alto”, fu subito promosso e rimosso. Come il Prefetto Frattasi a Latina per il “caso Fondi”.

Ma chi è il vero mafioso, oggi? C’è un saggio di cui vi consigliamo la lettura. Il titolo è FAQMAFIA. L’autore è Attilio Bolzoni e l’editore Bompiani.

Il mafioso è chi vuol fare credere che si sta combattendo la mafia; il mafioso è chi dice, come il famoso cardinale che lo disse per primo, che… la mafia non esiste ed è tutta un’invenzione dei giornalisti; Il mafioso è il professionista che difende i mafiosi o, comunque, ne cura gli interessi; il mafioso è l’amministratore pubblico, il politico, che crea gli strumenti o elabora leggi e regolamenti che favoriscono gli affari dei mafiosi.

Il mafioso è il “colletto bianco” che siede nelle istituzioni, in Parlamento, nei Governi, nei consigli regionali, provinciali, comunali e che dice di essere una persona

perbene. E’ questo, purtroppo, sul quale difficilmente si indaga ed ancor più difficilmente si mette in galera.

E quel magistrato che dovesse osare di perseguire questi soggetti “perbene” verrebbe subito delegittimato e classificato un “pazzo”, un “sovversivo”, un “comunista”…

Archivi