L’ostracismo del PD ai danni di chi è contro le mafie?Prima contro Diana, poi Lumia, poi ancora Dalla Chiesa, per non parlare di noi!

MA QUALE PARTITO DEMOCRATICO?
VERGOGNA!

Tutta Italia deve sapere: Nando dalla Chiesa è stato estromesso dalla lista pro-Bersani varata in Sicilia per le primarie del 25 ottobre del Partito Democratico
(ma quando mai lo è stato, davvero, democratico? Quando mai lo sarà?).

La storia è sempre la stessa:
– nel 2008, Walter Veltroni non lo ha voluto nelle liste per le politiche, bloccate dal porcellum di Calderoli ma utilissime alla ‘ditta’ Franceschini & Co. per imporre molti nomi che ora siedono in Parlamento, ma raramente parlano con competenza o si oppongono con forza e spesso, colpevolmente, fanno mancare perfino il loro voto (un muto e preziosissimo click);
poco dopo, e sempre in Sicilia, ha gettato al vento l’occasione di un riscatto morale e politico, preferendo Anna Finocchiaro a Rita Borsellino, coi risultati disastrosi (ma prevedibili) che ben conosciamo.

– ora, Pier Luigi Bersani e Rosy Bindi dimostrano che “nulla possono fare” contro il volere/potere di Antonello Cracolici, Presidente del gruppo PD all’Assemblea Regionale Siciliana. Quest’ultimo, infatti, si fa beffe dei due leader e presenta una sua personalissima lista che esclude il meglio che il Partito Democratico potesse finalmente esprimere ed offrire ai tesserati locali.

Soci e simpatizzanti della
Scuola di Formazione Politica ‘Antonino Caponnetto’
esprimono profondo sdegno

per l’ennesima prova di sopruso
di vigliaccheria
di mancanza di responsabilità
di insipienza politica
di falsità e di tradimento
dimostrate dal (cosiddetto) Partito Democratico attraverso alcuni dei suoi più alti dirigenti

Il Presidente e fondatore della Scuola di Formazione Politica ‘Antonino Caponnetto’,
Nando dalla Chiesa, quale parte in causa, non può aderire al presente comunicato.
Di più: Nando dalla Chiesa è all’oscuro del presente.
Esso è libera iniziativa di chi da lui tanto ha imparato e che, proprio per questo, ha deciso di non tacere.
Pazienza se lui, un amico, sarà un po’ irritato con noi: non possiamo stare a guardare questo triste spettacolo
e non intendiamo essere complici silenti di un’altra gravissima ingiustizia.
Per adesioni: info@scuolacaponnetto.it

Archivi