Lo stato dimentica la camorra no!

Camorra: testimone giustizia, minacciato e abbandonato dallo Stato

Napoli, 15 ott. (AdnKronos)

Minacciato di morte, denuncia di essere stato abbandonato dallo Stato. A parlare è Luigi Coppola, Testimone di giustizia, che ha presentato una denuncia ai carabinieri di Pompei in cui racconta di essere stato vittima di un’intimidazione. Ieri mattina, secondo quanto da lui riferito, sarebbe stato affiancato da un Suv di colore scuro, il cui passeggero gli avrebbe rivolto minacce di morte. Nella denuncia, il collaboratore di giustizia spiega di non aver preso il numero di targa né di riconoscere l’autore delle minacce.
“La minaccia – dichiara Coppola – che non è l’unica subita negli ultimi anni, è certamente riconducibile alle vicende giudiziarie da me intraprese contro i clan camorristici della zona. Riterrò responsabile di quanto mi dovesse accadere le istituzioni che contrariamente a quanto da me più volte denunciato ritengono che io non corra alcun pericolo”.
Commerciante di Pompei (Napoli), Coppola negli anni scorsi ha denunciato i camorristi che gli imponevano il pizzo e da tempo dichiara di essere vittima di minacce, “ma per lo Stato non conta. Per loro conta il risparmio e se capita di essere ammazzati pazienza, chi denuncia la camorra deve metterlo nel conto che può morire”.

Archivi