LO SPECCHIO DI UNA BUONA PARTE DELL’ITALIA . COME SI PUO’ PENSARE DI AVERE QUESTA GENTE ALLEATA NELLA GUERRA ALLA CORRUZIONE E ALLE MAFIE ? E COME CI SI PUO’ ILLUDERE DI FAR BRECCIA NELLE LORO COSCIENZE PARLANDOLE DI………….”LEGALITA’ E DI GIUSTIZIA” ????????? QUANDO NOI DICIAMO CHE BUONA PARTE DEL POPOLO ITALIANO E’ MARCIO DENTRO E LE COSE GLI STANNO BENE COME SONO !!!!!!!!! D’ALTRA PARTE NON E’ QUESTA GENTE CHE HA ELETTO E VOLUTO QUESTA CLASSE DIRIGENTE CHE GOVERNA IL PAESE ????????? LEGGETE IL BEL LIBRO DI GIORGIO BOCCA DAL TITOLO ” NAPOLI SIAMO NOI”

C’è chi timbrava il cartellino e poi andava a giocare in un centro scommesse. Oppure chi si recava nel negozio di frutta e verdura del marito, durante l’orario di lavoro. Interdetti dall’esercizio dei pubblici uffici – per un anno – nove dipendenti del Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari di Roma.

Indagini. Le indagini, coordinate dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Roma e condotte dai carabinieri del nucleo operativo Roma Eur, hanno consentito di accertare come,  dopo aver segnato la presenza con il badge, i nove dipendenti – di età compresa tra i 43 e i 65 anni – si allontanavano dal posto di lavoro oppure timbravano per conto di altri colleghi, che arrivavano più tardi rispetto all’orario previsto o che addirittura non si presentavano per niente.

‘Museum’. L’operazione ‘Museum’ è stata portata avanti attraverso servizi di osservazione, pedinamento e controllo, con riprese video e l’ausilio di videocamere poste nel Museo.

Accuse. Per i nove indagati le accuse sono, a vario titolo, di falsità materiale e falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, truffa ai danni dello Stato (per alcuni con l’aggravante di aver commesso il fatto per conseguire il profitto di un altro reato e con la violazione dei doveri di una pubblica funzione), false attestazioni e certificazioni.

Arresto. Nel febbraio del 2015, per la cronaca, i carabinieri hanno arrestato uno degli impiegati del Museo, sorpreso in una località diversa dal luogo di lavoro benché ufficialmente presente, avendo lo stesso timbrato il cartellino all’inizio del turno.

Archivi