Lo sfogo di un partigiano dirigente del PD. Ecco i risultati di una politica poco chiara. Ha torto Nanni Moretti quando dice che con questa classe dirigente non si va da nessuna parte?

.hmmessage P { PADDING-RIGHT: 0px; PADDING-LEFT: 0px; PADDING-BOTTOM: 0px; MARGIN: 0px; PADDING-TOP: 0px } BODY.hmmessage { FONT-SIZE: 10pt; FONT-FAMILY: Verdana }

Le vicende giudiziarie pugliesi che vedono coinvolto il PD
o quantomeno alcuni politici di quel partito ed i loro
referenti nazionali, confermano quello che ormai è
accertato dagli inquirenti: vi sono gravi collusioni con
il malaffare, forse anche con la mafia, e ciò giustifica
dunque il mancato contrasto  a Berluscconi,  alle
destre, ai vari conflitti d’interesse. Il caso ENIT da noi
denunciato pubblicamente – nomina di un albergatore
“chiacccherato” alla Presidenza –  ha ora una
giustificazione. Non ho più rinnovato la tessera del PD
ed ho rimesso il mio incarico di garante.
Mi occuperò, d’ora innanzi, soltanto dell’ANPI.
Un cordiale saluto, buone vacanze.
Archivi