L’inchiesta che scuote Napoli:«Colletti bianchi a libro paga»

Il Mattino, Giovedì 16 Marzo 2017

L’inchiesta che scuote Napoli:«Colletti bianchi a libro paga»

di Leandro Del Gaudio

C’erano i docenti universitari, il direttore dell’Adisu, la sovrintendente, il commercialista, il consulente legale, l’archeologo e altro ancora. Se fosse vero il quadro tracciato dal gip Federica Colucci (lo sarà solo dopo una eventuale condanna definitiva), la storia del sistema La Regina è destinata a tracciare un affresco fosco della società civile napoletana e casertana. Mondo delle professioni e accademici tutti rigorosamente al servizio della cricca delle tangenti facili, capitanata – dicono gli inquirenti – proprio dal rampante ingegnere posillipino Guglielmo La Regina. Ma proviamo ad entrare nelle pieghe dei 18 appalti, alla luce del presunto lavoro sporco che sarebbe stato condotto dagli insospettabili, da loro, insomma, dai colletti bianchi. Mostra d’Oltremare, c’è l’appalto di circa due milioni di euro per la realizzazione di due padiglioni (7 e 8), destinati alla valorizzazione dei beni monumentali e paesaggistici della Gaiola a Posillipo. Un progetto mai decollato che vede al momento sotto inchiesta, per presunte tangenti, oltre a Pasquale Sommese e al suo presunto tuttofare Antonio, anche la soprintendente Adele Campanelli, attuale sovrintendente beni archeologici per la Campania.

Archivi