L’incendio doloso allo stabilimento balneare di Campomarino, l’ennesimo atto di intimidazione, ci porta alla conclusione che, il Basso Molise in particolare è oramai nella morsa della mafia foggiana

Associazione Antimafia A.Caponnetto

Comunicato stampa

L’incendio doloso allo stabilimento balneare di Campomarino, l’ennesimo atto di intimidazione, ci porta alla conclusione che, il Basso Molise in particolare è oramai nella morsa della mafia foggiana.

Infatti, tra bancomat saltati in aria, rapine, vigneti tagliati, comincia a serpeggiare una certa preoccupazione. Come Associazione Antimafia già in passato abbiamo lanciato ripetuti allarmi alle Autorità, ivi compreso la Commissione Antimafia sul preoccupante espandersi anche nel Molise della criminalità foggiana, che bisogna contrastare con grande energia sia con il controllo capillare del territorio che con indagini patrimoniali tese ad individuare presta nomi del crimine in loco. Pertanto chiediamo venga istituita una sezione distaccata della Squadra mobile presso il commissariato di Termoli per incrementare le attività investigative con specifico impulso a quelle patrimoniali atte a scovare presta nomi o faccendieri delle coshe criminali che agiscono sulla costa.

Siamo decisi a portare sui tavoli Ministeriali (Interno,Giustizia,Finanze;Difesa) queste problematiche, insieme ad altre di territori vicini, sono in corso di perfezionamento le relative richieste

La Segreteria Nazionale

Archivi