Lettera aperta al Ministro dell’Interno ed al Presidene della Giunta della Regione Lazio Piero

29/08/06

VIA DA LATINA PREFETTO E CAPO DI GABINETTO: OCCORRONO PERSONE CHE METTANO LA LOTTA ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA AL PRIMO POSTO DELL’AGENDA POLITICA ED AMMINISTRATIVA DELLA PROVINCIA DI LATINA

Abbiamo apprezzato l’intervento, anche se tardivo, di Claudio Moscardelli sul problema della sicurezza e dell’ordine pubblico in provincia di Latina e ci è piaciuto, in particolare, il giudizio che egli ha espresso sulla… veridicità… delle… statistiche che di tanto in tanto ci vengono snocciolate (dalla Prefettura).

Lo stiamo ripetendo da anni che quelle statistiche non sono complete e vengono fatte… (come sostiene Moscardelli)… ad uso di personaggi che, di passaggio da Latina, debbono far carriera ed andare via…

Abbiamo letto anche alcune dichiarazioni fatte, a proposito dell’intervento di Moscardelli, da Vasaturo (/non dall’Osservatorio regionale sulla legalità, il cui Presidente è Enzo Ciconte) e dal consigliere comunale di Forza Italia Calvi.

Si tratta di dichiarazioni di persone che non conoscono la situazione.

Noi della “Caponnetto” stiamo da anni denunciando, inascoltati, la drammatica situazione in cui si trova una provincia come la nostra in c ui le istituzioni hanno alzato da tempo la bandiera di resa davanti all’avanzata costante della criminalità comune e mafiosa.

Anche qualche sindacato di polizia ha denunciato una settimana fa che ormai le forze dell’ordine non controllano più il territorio.

A Moscardelli, però, pur apprezzandone l’intervento. diciamo che la soluzione non è di natura numerica. Il discorso è più complesso e riguarda il funzionamento delle istituzioni locali. Non funziona, soprattutto, la Prefettura. Abbiamo scritto al Ministro Amato che è profondamente ingiusto il trasferimento della Dottoressa Ingenito. Stiamo andando a fondo e porteremo la questione in Parlamento perché non si debbono colpire (non è solo la Dottoressa Ingenito sotto tiro, ma tanti altri dirigenti e funzionari bravi e coraggiosi). A Latina vanno rimosse parecchie persone e tutti debbono sapere che noi della “Caponnetto” la finiremo di gridare quando ritornerà nella Prefettura di Latina un clima di efficienza, di rispetto di tutte le persone, soprattutto di quelle valide e pulite. Moscardelli ci può dare una mano e noi gliene saremo grati. Cominciamo a rimuovere Prefetto e Capo di Gabinetto e facciamo venire gente che sappia elaborare un piano vero di contrasto della criminalità. Facciamolo subito perché già siamo in forte ritardo!!!

Al Presidente della Giunta Regionale Piero Marrazzo diremo che noi della “Caponnetto” ritiriamo la nostra candidatura per entrare nell’Osservatorio regionale sulla legalità perché non riteniamo di far parte di un organismo in cui sta il Prefetto attuale di Latina che a Roma parla di legalità mentre nella Prefettura di Latina consente che si creino le situazioni di cui la stampa si sta occupando da quando egli è venuto.

ASSOCIAZIONE REGIONALE LAZIO PER LA LOTTA CONTRO LE ILLEGALITA’ E LE MAFIE
“ANTONINO CAPONNETTO”

Archivi