Lettera al Testimone di Giustizia Francesco Dipalo

Carissimo, la tua email è drammatica, ma ti invito a non fare gesti inconsulti o autolesivi; la vita è un bene prezioso e non devi in nessun modo metterla in pericolo, anche se ti trovi in una situazione drammatica. Ti sono vicino come uomo, padre e ti esorto con forza a fermarti. Non recarti a palazzo Chigi e non fare alcun gesto che hai menzionato nella email inviatami.
Anche se non ti conosco personalmente apprezzo il tuo percorso come tdg è condivido gli ideali di legalità e per questo che ti ribadisco che bisogna essere rispettosi delle leggi e lottare con dignità, la stessa che ti ha contraddistinto in questi anni.
Mi hai tristemente reso partecipe del tuo dolore ma non posso restare inerme di fronte al tuo comunicato nel quale mi comunichi che farai un gesto estremo. Comprendi il mio ruolo e ti ripeto fermati, non commettere alcun atto di autolesionismo che aggraverà non solo la tua situazione ma avrà conseguenze su chi ti vuole bene; non dare dolore alla tua famiglia perché nessuno, compreso te, merita questo; faremo di tutto per rendere giustizia ai tdg.

Archivi