Le parole di Franca Decandia – una vittima di racket – una vera “eroina” che ha speso una vita a combattere il malaffare ed i delinquenti e che ha fondato L’ANVU

DOCUMENTI.Le parole di Franca Decandia- una vittima di racket – una vera “eroina” che ha speso una vita a combattere il malaffare ed i delinquenti e che ha fondato L’ANVU della quale é stata fino ad ieri la Presidente e della quale é oggi la Presidente Onoraria- sono dure come pietre.Quelle parole aprono uno squarcio in un mondo,quello dell’antiracket e dell’antimafia,che é sconosciuto ai più e che presenta molti interrogativi alla cui risposta potrebbero apparire realtà molto antipatiche. Il primo di tali interrogativi:

COME MAI,CONTRARIAMENTE A QUANTO PREVEDE LA LEGGE CHE FISSA COME PERENTORIA LA PERMANENZA DEI SOGGETTI NEL COMITATO DI SOLIDARIETA’ PER LE VITTIME DI ANTIUSURA ED ANTIRACKET PER DUE ANNI,I SOGGETTI CHE LO COMPONGONO SONO SEMPRE I SOLITI TRE-QUATTRO DA BEN 22 ANNI,CIOE’ DAL 1997 ????????????? PERCHE’ NON SI E’ PROVVEDUTO E NON SI PROVVEDE ALLA ROTAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI FRA LE CENTINAIA ISCRITTE AL MINISTERO DELL’INTERNO ???????? PERCHE’ ????????????

POI AFFRONTEREMO ALTRI PROBLEMI CHE RIGUARDANO SEMPRE LA STESSA MATERIA ,FACENDO SEMPRE RIFERIMENTO A QUESTA GRANDE DONNA CHE HA DATO AL PAESE UN ESEMPIO DI ONESTA’ E DI CORAGGIO ESTREMO.

DUE SUOI PASSAGGI DI INTERVENTI DA LEI PUBBLICATI SUL SITO DI ANVU:

 

ANVU Associazione Nazionale Vittime Usura Estorsione e Racket ha condiviso un post.

 

 

Finalmente si sono accorti, avessero preservato l’antimafia non di ELITE, non HOLDING SPA, Antimafia che monopolizza Pon sicurezza, comitato solidarietà,politica, prefetture, forze dell’ordine e magistratura amica, stampa, ecco fino a che non smonteranno questi legami, l’antimafia sarà salvo rare eccezioni che fortunatamente ci sono, solo un mestiere, Un vero e proprio BUSINNESS per i cosidetti esperti, compresa qualche vittima che da ventanni prende soldi per tutto, lo pr…ovano le nostre comunicazioni, audizioni, lettere a governi, ministri, sottosegretari, meglio tardi che mai, pare avessimo ragione, soltanto che il ns essere contro questo strapotere non ci ha fatto amare molto da certe Istituzioni, bene significa che abbiamo sempre lavorato solo per le vittime, senza farne un businnes ma col volontariato, rispettando le leggi. FRANCA DECANDIA, RESIDENTE ONORARIO ANVU..

 

 ANVU Associazione Nazionale Vittime Usura Estorsione e Racket

 

22 anni fa dopo tanti morti, tanto sangue, tante tragedie, nasceva finalmente la LEGGE ANTIUSURA 7 MARZO I996, LEGGE 108/96, orgogliosa di aver contribuito a far cambiare qualcosa, non avevamo fino a quel giorno neppure lo status di vittime, la facemmo fare a camere sciolte, mi chiedo oggi dove fossero quei terribili giorni, coloro che ora vorrebbero essere i padri di questa legge, i padri sono state le vittime che si suicidavano a decine, l’aiuto di due persone allora molto vicine alle vittime, e io non dimentico il male, ma neppure il bene, LINO BUSA’ E TANO GRASSO, Ma i regolamenti attuativi sono arrivati il 7 marzo 97, grazie a ulteriore ns sciopero della fame, per quindici gg davanti a PALAZZO CHIGI, giorno e notte all’addiaccio, eravamo solo dieci vittime,tutti i giorni in qualche Palazzo, tutti i giorni a chiedere a PRODI di firmare i regolamenti di attuazione, senza i quali la legge era inutile, lo abbiamo distrutto, insultato, e finalmente firmarono, con qualche modifica da noi chiesta, Ecco vorrei dire a tutte le vittime che dovrebbero ricordarsi, quando pensano che a loro tutto è dovuto, quella legge è nata dal sangue e grazie a vittime che avevano denunciato per dovere civile, senza nulla in cambio, se non il disprezzo degli altri e persino il fastidio di certi graduati che dicevano che denunciare sarebbe stato inutile, rischiando davvero, nessuno ci proteggeva, nessuno,. ricordatelo sempre questo, LUIGI RIVIECCIO, CONIUGI GADDI, CENTINAIA DI MORTI IN DUE ANNI, dite grazie a loro e a noi, io Italo Santarelli, Ennio Pesce, Pia Calabrini,e altre vittime. Non avete preso i soldi per caso, non siete stati aiutati per caso, no grazie a vittime che pensavano a tutti gli altri, cosa che le vittime di adesso non fanno, a posto loro a posto tutti, pochi sono i ns in Associazione le vittime che fanno volontariato, eppure ne abbiamo aiutate centinaia, continuiamo, anzi continuano i miei colleghi a farlo, ma le vittime dopo aver presi i soldi, bè non pensano certo a seguire altre vittime. Grazie a coloro che lo fanno, che aiutano il Presidente Monica Nassisi, pochi, Luigi Leonardi, Giuseppe Alonzi, gli altri? Fanno gli imprenditori, giusto così, con amarezza a volte penso avrei dovuto fare così anche io, ma poi realizzom che aver aiutato tante persone,mi ha reso povera economicamente, ma tanto ricca di altri valori, per qualcuno non lo farei più, non ci perderei il sonno, non litigherei con Prefetture e Ministero, creditori, per altri lo rifarei, ora ho finito, devo aiutare me stessa, ANVU è in buone mani, e continua sula strada dell’aiuto e della legalità. Grazie sopratutto ALL’ avv Nassisi, non fosse stato per lei, ANVU, avrebbe chiuso, GRAZIE, hai preso la mia creatura, amandola, come ho fatto io, grazie a chi continuerà a collaborare con te seriamente, ecco 22 anni di vita, sono passati dando tutto di me agli altri, ora devo pensare molto a FRANCA DECANDIA, ne ha proprio bisogno, un abbraccio a tutti..

 

MATERIE PER IL NUOVO PARLAMENTO E PER LA MAGISTRATURA

 

Archivi